Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici 

  Poesie  »  D'Amore  »  Il suo volto 05/10/2006
 

Il suo volto

 

 

Era la mezza di una notte luminosa

Come il tuo viso che mi sorrideva.

Avevamo riso quella sera di cose

Che non ricordo perché l'importante eri tu.

Mi proponesti di uscire, di andare a cena

In quel paese oltre il fiume che solo tu conoscevi.

E già seduti al tavolo, fra un cameriere

Con una torta spiaccicata in volto

E una vecchia signora dalla veletta nera,

Dovetti alzarmi per appartarmi in bagno.

Ritornai ed eri sparita.

Domandai e non mi fu risposto.

Corsi fuori in una notte all'improvviso buia

Popolata da una moltitudine vociante,

Tra pianti di bimbi e risate di adulti senza volto,

Fra cui invano cercavo il tuo.

Il paese era diventato una città di palazzi grigi

E chiese imponenti che più non riconoscevo.

Correvo, correvo e l'immagine del tuo viso

Lentamente sfocava fino a perdersi nel buio.

Fu allora che la folla sparì, che il clamore cessò

E che solo un lento rintocco di campana

Mi condusse con le prime luci dell'alba

All'amaro risveglio della realtà.

Dal  letto, coperto di sudore, nello specchio

Non vidi che il mio volto incredulo,

Non sentii altro che il freddo vuoto di un sogno.

 

(dedicata ad Antonella che un giorno di ottobre ci

ha lasciato per sempre)

          

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09933299 »