Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti  Poesie di Natale 

  Poesie  »  Nuovi percorsi espressivi  »  O sole mio 24/06/2006
 

Caruso la cantava,

mentre dalla miseria

la gente fuggiva.

Poche cose nel fagotto,

stretti sottocoperta,

puzze di sudore,

una cosa sola cercavano:

il sogno di un mondo senza

fame, dove la povertà fosse

solo un ricordo lontano.

E i bastimenti partivano,

qualcuno affondava,

ma Caruso sempre cantava.

 

Sono passati gli anni,

Caruso non c'é più,

son rimaste solo la canzone

e tanta fame.

Altri bastimenti partono

da spiagge africane,

altre genti,

stessa fame.

A terra arrivano in pochi

E l'unico canto è quello del mare,

un lamento sommesso,

un pudore celato,

per chi dalla vita

ha avuto solo dolore.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 013812101 »