Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Nuovi percorsi espressivi  »  Utopia 15/07/2006
 

Nel fitto del bosco una luce abbagliante,

un impeto di vento che sfiora ogni cosa,

un suono d'arpa che calma la tempesta.

 

S'apre il fogliame a mostrare una radura,

un angolo di pace chiuso agli occhi

impuri degli uomini.

E lą, alla fonte che sgorga fresca,

pura e trasparente come il cielo,

una leggiadra fanciulla,

di seriche vesti appena coperta,

innalza un canto alla natura.

Di un mondo parla,

che č stato e mai sarą,

di un'epoca felice in cui

tanto esisteva la pietą,

di quando l'esser uomini

era il dolce vivere

senza rancori e senza poteri.

 

Son note leggiadre che si

spandono nell'aria,

una brezza di pace,

di sconosciuta serenitą,

un sogno che non sarą mai pił realtą.         

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010022548 »