Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  La stessa terra 07/06/2014
 

La stessa terra

di Renzo Montagnoli

 

 

Uomo che vai di fretta

che calchi questa terra

senza mai fermarti

resta solo un minuto

porgi l'orecchio

e ascolta il vento.

Porta parole

di storia passata

di genti qui nate,

vissute e poi morte

di un tempo lontano

di cui si Ú persa memoria

di una civiltÓ ormai ignorata.

Eppure anche mille e mille

anni or sono

c'erano uomini

che lavoravano,

soffrivano e gioivano.

Ombre sono ormai

che nessuno pi¨ vede.

╚ strano il destino

l'uomo che muore

non lascia memoria

ritorna alla polvere

che quel vento raccoglie

e che ora ti parla

di un mondo perduto

di genti ormai scomparse

lontani tuoi avi

di cui ignoravi la sorte.

Erano tutte persone

che giÓ calpestarono

la terra sotto i tuoi piedi.

Erano uomini

uomini veri

uccisi due volte:

dal naturale destino

e dal colpevole oblio.

 

Da Canti Celtici II

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 012412338 »