Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  La lunga attesa 05/07/2014
 

La lunga attesa

di Renzo Montagnoli

 

 

Il Checco se ne stava

per andar via

vecchio com'era

ogni giorno era buono

ma lui resisteva

respirando come un mantice

e con il poco fiato gracidava:

Non è ancora l'ora

é inutile che m'attorniate

che il beccamorto

abbia gettato un occhio

a prender le misure

che stia a casa l'arciprete

che ha tanti peccatori da confessare

nella mia vita ho solo lavorato

qualche bestemmia e nulla più

perché poco si mangiava

e tanto invece si faticava.

I nipoti premurosi

s'avvicendavano al capezzale:

Zitto, nonno, che poi stai male.

E intanto facevano progetti

già litigando per l'imminente eredità.

Passò così l'estate

arrivò l'autunno

e il vecchio non crepava.

Vedrai che col freddo dell'inverno

si deciderà a tirar le cuoia

sussurravano a voce bassa.

Ma neve freddo e gelo

non lo schiodarono dal letto

e allora si sperò a primavera.

Quando il primo sole fece capolino

diradando il buio della stanza

Checco lanciò un gran sospiro

Ci siamo, dissero all'intorno,

ma lui inarcò la schiena

e con un balzo scese dal letto

gridando a perdifiato:

Che bella riposata!

Presto, pane e salame

e un bicchiere di quello buono!

Lo fissarono sbalorditi

e stanchi e sfiduciati

all'unisono sbottarono:

Ma va …a quel paese!. 

 

Da Il mio paese

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011846699 »