Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  Monumento ai caduti 02/11/2014
 

Monumento ai caduti

di Renzo Montagnoli

 

 

Al mio paese, vicino alla piazza,

ma non in mezzo

perché il ricordo potrebbe rattristare,

ci sta un bronzeo monumento ai caduti

un fante impetuoso all'attacco

nell'atto di lanciare una granata.

Quando il comune intese farlo

pensava anche di mettere con lapide

i nomi dei caduti di due guerre

ma così il conto lievitava

e  i fondi eran già pochini

tanto che salomonicamente si risolse

con una dedica di un sol rigo:

ai caduti del paese in tutte le guerre.

Saggia decisione per non dover

tornare in argomento

semmai due guerre non fossero bastate

a ferire profondamente il mio paese,

ma avrei preferito ci fosse scritto solo

Ai caduti d'ogni guerra

ai nostri, a quelli dell'Italia

e di ogni altra nazione, anche nemica,

con sotto una piccola postilla:

monito affinché altre non vi siano”.

E' certo poca cosa per scongiurare

sanguinosi e tragici conflitti

ma lo farei leggere ai bambini delle scuole

spiegando loro che in guerra

non c'è onore, ma solo orrore

che tanti ne son morti

al suono di fanfare

e che quella corona che il IV novembre

lì si depone per ricordare una guerra vinta

è frutto di retorica abitudine

un insulto alla memoria

di giovani immolati sul campo di battaglia

che solo chiedevano di vivere

mentre a loro fu invece  imposto di morire.

 

Da La pietà

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011838233 »