Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  Il testamento 09/05/2015
 

Il testamento

di Renzo Montagnoli

 

 

Lastra di marmo sbiadita dal tempo,

riemersa dalla terra un giorno per caso,

frutto di uno scavo,

alla ricerca di ciò che è stato.

Parole incise con mano forte e sapiente,

un testamento lasciato agli sconosciuti posteri.

“Il dio del sole tolse

la sua calda luce agli occhi miei,

mi precipitò nelle tenebre.

Sono ormai lontani i giorni delle cacce,

l'arco teso,

la freccia lasciata andare,

il buio della notte negli occhi della preda trafitta.

Gli amplesso gioiosi non torneranno più,

né potrò udire vagiti di neonati,

né potrò vedere albe e tramonti.

Per me il giorno è finito,

non resta che la notte,

senza luna e stelle.

Ho vissuto

nel rispetto degli avi,

ho cresciuto i figli,

con la memoria di ciò che è stato,

perché sapessero come vivere il presente

e preparare il futuro.

Se del mio corpo non rimarrà che polvere,

il ricordo di me,

in chi un giorno leggerà,

sarà la sconfitta della morte che mi ha colto.

Io sono stato, sono e così anche sarò.”

Non c'è nome,

uno sconosciuto riemerso dall'eternità,

un uomo senza tempo.

 

Da Canti Celtici (Il Foglio, 2007)  

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011846639 »