Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  Il castagnaio 07/05/2016
 

Il castagnaio

di Renzo Montagnoli

 

 

Cadevano le foglie

scendevano le nebbie

e in quel mondo fradicio d'acqua

s'alzava una voce arrochita:

Caldarroste, castagne arrosto!

Ero bambino e con altri correvo

le cento lire strette nel pugno

quattro castagne ancora ben calde

da sbucciare con famelico ardore.

Lui guardava, forse senza vedere,

un punto lontano

che nemmeno sapeva

mezzo toscano tenuto fra i denti

il fiasco di rosso a portata di mano.

Gli anni passavano

e lui ritornava.

Donde venisse,

dove poi andasse,

nessuno sapeva.

Solo era certo

che ogni autunno arrivava,

un poco pił vecchio

e sempre a guardare

quel punto lontano.

Poi un anno

caddero le foglie

scesero le nebbie

ma rimase il silenzio.

Forse la sua vita

quella vita sgualcita

era per sempre finita

o forse era arrivato

a quel punto lontano

che lui solo vedeva.

 

Da Il mio paese

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011505003 »