Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  Lapidi senza nome 18/06/2016
 

Lapidi senza nome

di Renzo Montagnoli

 

Non c'è di peggio che

in giro per il camposanto

scoprire lapidi senza nome

che il tempo e l'incuria degli uomini

han cancellato.

Non un fiore, nemmeno finto,

a chi per tutti è un anonimo defunto.

Un tempo c'era un vecchietto

che ricordava

a modo suo

con la smemoratezza dell'età.

Li sotto c'è la Gina,

no, forse l'Evaristo.

Credo invece sia Federico.

E avanti con i nomi.

Di una sola era certo

forse aiutato dall'angioletto

scolpito in cima.

E allora si faceva mesto

parlava piano

nel timor di disturbare.

C'è la Clelia,

quattro anni aveva,

bella come una Madonna,

ma la spagnola se l'è portata via.

Ecco il perché dell'angioletto,

un'innocenza che fu mai scalfita.

 

Ci son tornato qualche giorno fa

ma non l'ho trovata.

In quell'angolo di campo

han costruito delle colombaie

un condominio silenzioso

per chi non può parlare.

Clelia lassù forse ci guarda

e si chiede come una società possa vivere

senza memoria dei suoi morti.

 

Da Il mio paese

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011505038 »