Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  La vecchia sveglia 08/01/2017
 

La vecchia sveglia

di Renzo Montagnoli



L’ho trovata

rovistando nella cassapanca

m’è arrivata in mano

senza che la cercassi

ed è stata una sorpresa

la vecchia sveglia della nonna.

Panciuta, con le orecchie a sventola,

dopo chissà quanti anni di lavoro

è stata a lungo a riposare.

Ma ora voglio che ritorni in gran forma

che il mio tempo provveda a misurare

sul comodino accanto al letto,

a risvegliarmi alla mattina

con il suo trillo petulante.

Con la chiavetta provo a girar la molla

e in uno sferragliare di rotelle arrugginite

borbotta, ronfa, par che con voce un po’ alterata

mandi fuori i secondi, a spingere i pacioccosi minuti

e questi a invitar le ore all’inizio della danza.

E un attimo di vita, di un meccanismo

che si risveglia da un lungo sonno,

ma poi s’ode un suono un po’ sgraziato

di metallo che si tende e poi si spezza.

E’ l’ultimo rumore,

poi tutto tace,

la vecchia sveglia se n’é proprio andata

ritorna mesta fra le cose vecchie

rientra fra i ricordi

donde era venuta.


Da Lungo il cammino



 
©2006 ArteInsieme, « 011504889 »