Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  E il fiume va 19/02/2018
 

E il fiume va

di Renzo Montagnoli



Oh fresche dolci acque

che han bagnato i sogni miei

quando giovane credevo

di fondare un nuovo mondo

Venivo qui sulla riva

e guardavo la corrente

e fra un salto di rane

e il richiamo di un cuculo

si rinfrescava la mia mente

sempre pronta a cose nuove

a fissare mete grandi

per risolvere problemi

che da tempo immemore

l’uomo porta sul groppone.


Basta guerre, sol la pace,

via miseria e fame,

per tutti un piatto di minestra

e un letto in cui dormire!


Sogni, vaneggiamenti

di un giovane

che crede di poter tutto cambiare.

Poi, il tempo, la vita stessa,

hanno placato gli entusiasmi

e or che sono vecchio

se vengo a questa riva

e guardo il fiume

assai lontano

a valle

a malapena riesco a scorgere

i sogni che la corrente si è portata via.


Da Lungo il cammino



 
©2006 ArteInsieme, « 010341789 »