Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  Era sera a Mantova 12/12/2019
 
Era sera a Mantova

di Renzo Montagnoli



Strisce di buio occupavano

le mura del castello

un’irreale visione

in una luce quasi arcana.


Strano era il silenzio

con la città che pareva addormentata

bella e misteriosa

ero là e sognavo a occhi aperti.


I portici del palazzo Ducale

si popolavano di gente sconosciuta

era un salto all’indietro nel tempo

osservavo i Gonzaga come nessuno

di quelli di oggi avrebbe potuto vedere.


Le campane delle chiese chiamavano

al vespro e le vecchine s’affrettavano

volti sconosciuti si perdevano nella mente


ma non il suo


uscita dal buio una dama in verde

mi fissava con gli occhi dello stesso colore.

Non capivo più niente, dove ero,

cosa facevo, più nulla intorno a me


solo quegli smeraldi che mi scrutavano

mi scavavano dentro mi facevano udire

musica che mai avevo sentito

lei era lì per me ed era quel che contava.


Tremante ho allungato una mano

per accarezzare quel viso

ma tutto è sfumato sotto le dita

e dal sogno mi sono risvegliato.


Era sera a Mantova di un giorno che non so

era forse un sogno solo immaginato

e invano ho cercato sulla mia mano un segno,

solo la pelle rugosa di un vecchio


che nei giorni che passano

nelle stagioni che vengono

si illude di poter ancora sognare

una sera,

quella sera,

a Mantova.


Da La pietà

 
©2006 ArteInsieme, « 010180574 »