Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Generica  »  Adagio per archi 08/09/2011
 

Adagio per archi

di Renzo Montagnoli

 

 

Si stinge l'azzurro del cielo

in diafani riflessi di luce

e mentre a occidente

un purpureo velluto

saluta il sole che va

a oriente s'increspa d'ombra

un orizzonte ancor più indefinito.

Scende la sera con il suo

nero mantello

in una quiete che di colpo

coglie un mondo prima frenetico.

S'alza un alito di vento

una carezza che mi sfiora

ma che cala fino al cuore

in una dolce malinconia

a cui tutto m'abbandono

in un ricordo del passato

che scivola lieve

su un animo rasserenato.

Nel buio che lesto arriva

rinasce la speranza

nel domani di un'alba radiosa

alla quale alla fine di ogni giorno

sempre con fede m'affido.

E un lento adagio per archi

mi suona dentro

a rallentare un'ora

che troppo veloce passa

perché è dolce questo stacco

fra luce e buio

un'atmosfera di intensa serenità

in cui chiara e forte

s'avverte la gioia di vivere,

un grido muto

che vibra come le corde di un violino

in un concerto dedicato a me.

 

 

(da Lungo il cammino)

 
©2006 ArteInsieme, « 011934745 »