Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La casa del quarto comandamento di Marco Salvador 13/10/2006
 

La casa del quarto comandamento

di Marco Salvador

Edizioni Fernandel

Narrativa romanzo

Pagg. 124

ISBN: 88-87433-49-6

Prezzo: € 12,00

 

 

C'è qualche cosa peggio del carcere, perfino di quello a vita. Sei un innocente, hai lavorato tutta la vita per crescere la famiglia, per dare ai figli un avvenire migliore del tuo. Poi diventi vecchio, magari ti muore anche la moglie, e tu ormai esisti solo ed esclusivamente perché hai un figlio. A lui dai tutti i risparmi di una vita, offri generosamente un futuro, ma quando cominciano i primi acciacchi il ringraziamento consiste nello sbatterti in un ospizio dove non esistono i giorni, tanto sono sempre uguali, e da cui sai che uscirai solo con i piedi in avanti.

In mezzo ai non autosufficienti, ai terminali, agli “andati” ti sembrerà di impazzire, poi, a poco a poco, la rassegnazione adombrerà la tua mente, riducendoti a un vegetale, a meno che non si trovi qualche cosa per cui valga ancora la pena di continuare a vivere.

Prima l'amicizia di un compagno di stanza all'inizio mal giudicato, poi il desiderio di rendersi utile agli altri che vivono con te, proteggendoli dai soprusi, dalle ruberie, e infine quello che non si pensava possibile, ma che è la molla più forte per riaffermare la propria identità, scaturisce quasi all'improvviso, un amore senile fatto di sguardi, lievi carezze e anche di un po' di sesso.

E allora subentra la ribellione, il desiderio di tornare nel mondo dei vivi, ma tutto ha un prezzo e quello che pagheranno il generoso Martino, la delicata Leda e il vissuto Oddo chiude in modo commovente un romanzo di straordinaria bellezza.

Salvador ha una capacità di analisi psicologica non comune nel descrivere un mondo a cui non appartiene, a ricreare un'ambientazione che, vista dall'esterno, sembra impossibile, ma che risponde a verità.

I piccoli dispetti quotidiani, l'attesa spasmodica della visita dei parenti la domenica, privilegio riservato a pochi che quasi si pavoneggiano con gli altri, e l'amarezza di essere, ma di non vivere sono tratteggiati con delicatezza, senza indulgere a pietismi che avrebbero straniato una narrazione diretta, senza fronzoli, non incline ad accurate descrizioni, ma comunque di rara efficacia.

Più che leggerlo l'ho divorato, più che commuovermi mi sono indignato: Salvador non poteva scrivere in modo migliore il destino della maggior parte di noi.

 

 

L'autore

Marco Salvador nasce il 10 novembre 1948 a San Lorenzo di Arzene (PN), dove tuttora vive. Ha pubblicato numerosi saggi sulle comunità rurali nel medioevo e sulle giurisdizioni feudali minori. Inoltre ha scritto quattro romanzi: Il longobardo (Piemme, 2004), La vendetta del longobardo (Piemme, 2005), L'ultimo longobardo (Piemme, 2006) e, appunto, La casa del quarto comandamento. 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010736572 »