Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Pietro Badoglio Maresciallo d'Italia di Piero Pieri e Giorgio Rochat 17/11/2006
 

Pietro Badoglio Maresciallo d'Italia

di Piero Pieri e Giorgio Rochat

Edizioni Mondadori

Biografia

Pagg. 617

ISBN: 88-04-50520-6

Prezzo: € 10,40

 

Si tratta, forse, della miglior biografia di un uomo che, nel bene e nel male, è stato senz'altro uno dei personaggi più in vista del secolo scorso.

La figura di Pietro Badoglio, quale militare e quale politico, è delineata mirabilmente, con obiettività, avvalendosi, peraltro, di una corposa ed esaustiva ambientazione, sia di luoghi che di tempi, così da ottenere un quadro complessivo della vita italiana dal 1915 al 1945.

A una prima parte, curata da Piero Pieri, e tendente a esplicitare i motivi della carriera militare di Pietro Badoglio e che arriva all'incirca alla fine della prima guerra mondiale, ne segue una seconda, redatta da Giorgio Rochat e che affronta l'ascesa al vertice dello stato di un personaggio che a conti fatti non aveva doti esaltanti di condottiero e di politico, tanto che si sarebbe potuto definire solo un onesto soldato.

Fu forse allora fortuna questa vita caratterizzata da un crescendo di successi?

Non viene data, giustamente, risposta a questa domanda, anche perché assai probabilmente non c'è.

Infatti, è più logico pensare che Pietro Badoglio sia stato il classico uomo per tutte le stagioni, senza eccellere in nulla, ma non presentando gravi difetti, e con una capacità invece innata di riuscire a dare sempre il meglio di se stesso, non trascurando la sua abilità diplomatica di sapersi far benvolere da alcuni superiori senza inimicarsi gli altri.  

Più tattico che stratega, riuscì a superare indenne la tragedia di Caporetto, pur avendo anche lui le sue colpe, e a tramutare uno scacco in un trionfo, tanto che non solo fu uno dei pochi a non pagare per la miopia strategica che consentì al nemico di dilagare nella pianura veneta, ma addirittura ne uscì rafforzato, sapendosi proporre a Diaz, nuovo comandante in capo, come unico effettivo elemento di affidabilità che potesse garantire la transizione nella condotta della guerra da offensiva a difensiva.    

 

 

Gli autori

 

Piero Pieri (Sondrio, 1893 – Torino, 1979) è stato il più importante studioso della storia militare italiana dal Cinquecento alla Prima guerra mondiale.

 

Giorgio Rochat, nato a Pavia nel 1935, è stato docente di Storia contemporanea a Milano, Ferrara, nonchè Torino, dove oggi insegna Storia delle Istituzioni Militari.

 
©2006 ArteInsieme, « 010736499 »