Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il riflusso della marea di Robert Louis Stevenson 22/12/2006
 

Il riflusso della marea

di Robert Louis Stevenson

Marlin Editore

Narrativa romanzo

Pagg. 192

ISBN: 88-6043-018-6

Prezzo: € 11,90

 

 

Il 1894 è l'anno in cui Robert Louis Stevenson muore, dopo lunga malattia, in un'isola del Pacifico e “Il riflusso della marea” è l'ultimo suo romanzo terminato poco prima del prematuro decesso.

E' indubbio che l'autore debba la sua fama a opere come “L'isola del tesoro” e a “Lo strano caso del Dottor Jekill e di Mr. Hyde”, romanzi che costituiscono, soprattutto il secondo, una pietra miliare nella letteratura del XIX secolo; con questo, però, non intendo dire che “Il riflusso della marea” sia un risultato minore, perché, per certi aspetti, rappresenta l'apice del percorso letterario di Stevenson, preconizzando il grande romanzo del novecento.

Infatti, l'aspetto avventuroso, pur presente, non è il tema centrale della narrazione che volge invece a rappresentarci con realismo la corruzione morale, tanto più accentuata, quanto più l'uomo tende a civilizzarsi.

I protagonisti sono tre uomini irrimediabilmente segnati dal loro destino, da un degrado da cui non riescono a uscire e di cui anzi finiscono con il compiacersi in una sorta di autocommiserazione che li porterà a una caduta definitiva, senza possibilità di risorgere.

La visione dell'umanità di Stevenson è inoltre rivoluzionaria per l'epoca e già era stata introdotta  con la vicenda del Dottor Jekill  e Mr. Hyde: non esistono esseri solo buono o solo cattivi, ma ci sono due componenti opposte e continuamente in lotta  che garantiscono la sopravvivenza, quasi fosse una specie di gioco di equilibrio. Quando il male soverchia il bene, la discesa all'inferno è inevitabile, in una sorta di autodistruzione tale da rappresentare una compiaciuta punizione.

Come mia abitudine non accennerò altro della trama, comunque interessante, al di là degli autentici contenuti dell'opera.

Ritengo invece doverosa una parola almeno allo stile dello scrittore che, abbandonata l'opulenza dell'inizio del secolo, riesce, quasi scarnamente, a rappresentare paesaggi dando loro una visibilità da immagine fotografica; con la stessa tecnica l'atmosfera di putrefazione morale viene progressivamente a prendere corpo, in una trasmissione del senso che il lettore coglie senza accorgersi, perché  è viva, pregnante, accompagna i personaggi che con il loro fare le danno vita.

Il riflusso della marea, quindi, ha titolo per rientrare fra i grandi classici della letteratura.

 

L'autore

 

Robert Louis Stevenson nacque nel 1850 a Edimburgo, dove visse fino al 1863. Debole di salute fin dall'infanzia e tormentato da problemi polmonari, si spostò in Francia, in Italia e negli Stati Uniti alla ricerca di un clima migliore. La scoperta della letteratura segnò la sua strada di giovane sensibile e curioso: Shakespeare, Walter Scott e Dumas furono i suoi primi maestri. Nel 1878 pubblica i suoi primi libri di viaggio e i racconti che riunirà nelle Nuove mille e una notte (1882). Il successo gli arriva con L'isola del tesoro (1883), classico di ogni tempo e di ogni età. Nel 1886 escono Il fanciullo rapito e Lo strano caso del Dottor Jekyll e di Mr. Hyde, che lo confermano nella fama internazionale. Nel 1885 conosce Henry James, al quale rimarrà legato da grande amicizia. Terminato nel 1888 il romanzo Il Master di Ballantrae, parte per il Pacifico, dove scriverà racconti celeberrimi come Il diavolo nella bottiglia e La spiaggia di Falesà, romanzi come Il naufrago e Il riflusso della marea, e dove rimarrà fino alla morte, avvenuta nel 1894 a soli 44 anni.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010736676 »