Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Agnese di Giovanni Buzi 05/02/2006
 

Agnese    di Giovanni Buzi   - Edizioni Tabula Fati

 

L'approccio con questo romanzo, costituito dalla copertina, offre già un'idea di quello che sarà il suo contenuto. Sullo sfondo di una vecchia casa si stagliano le immagini di una giovane signora sorridente che stringe a sé un bimbo vestito già da ometto e con lo sguardo che esprime sorpresa, come se il lampo del fotografo lo avesse colto all'improvviso, fermando in tal modo il trascorrere del tempo all'epoca felice della gioventù. Il fanciullo in questione è lo stesso autore e la dama accanto è proprio Agnese, quella mamma che, nonostante il passare degli anni, resta sempre nei nostri ricordi più belli, mai invecchiata, ma come la si vedeva quando si pendeva dalle sue labbra, quando ci si rifugiava fra le sue braccia protettrici.

Agnese non è però solo il romanzo dei ricordi di un'infanzia, ma anche una pregevole ricostruzione di un'epoca, focalizzata nelle immagini di gite fuori porta con le prime utilitarie, di donne prosperose, pregne di una femminilità familiare e non ancora in lizza con gli uomini nella corsa ai primati di una società che sta crescendo e che diverrà dimentica del suo più genuino e tradizionale passato.

Giovanni ha saputo conservare dentro di sé quelle osservazioni tipiche dei bambini e, da adulto, riesumarle per costruire, grazie a un pregevole collage, un quadro d'insieme non stereotipato, ma naturale, per non definire quasi spontaneo.

E con sapienza sa alternare pagine gioiose ad altre ben più tristi, in un filo conduttore che mai si spezza, perché sempre latente c'è il timore di perdere la madre, il che poi avverrà effettivamente, troncando bruscamente la parentesi della fanciullezza per proiettarlo, con la morte della persona cara, nella realtà degli adulti.

Lo stile è di una sobrietà esemplare, mai greve, e presenta dei veri e propri tocchi di grazia, con pagine che rasentano la poesia, tali sono quelle dove sono espressi gli stati d'animo.

Leggo, per passione, tanti romanzi; di questi, non pochi esauriscono il loro interesse non appena chiusa l'ultima pagina, mentre altri mi accorgo di averli dentro di me, compagni fedeli della mia vita e “Agnese” è fra questi.

 

L'autore

 

Giovanni Buzi é nato a Viganello, in provincia di Viterbo, nel 1961. E' diplomato all'Accademia di Belle Arti di Roma, nonché laureato in Storia dell'arte contemporanea presso l'Università “La Sapienza”. Dal 1998 insegna lingua e cultura italiana al Parlamento Europeo di Bruxelles e dal 2005 è docente di storia dell'arte contemporanea all'Accademia di Belle Arti, sempre di Bruxelles. Artista eclettico, è pittore di fama internazionale, nonché scrittore vincitore di numerosi premi letterari, anche internazionali.

Tra le sue numerose pubblicazioni: Manuale di storia dell'arte (Sovera Multimedia, 1993), il romanzo Faemines (Libreria Croce, Roma 1999), il romanzo Il giardino dei principi (Massari, Bolsena 2000), il saggio William Turner in Etruria (Massari, Bolsena 2004), la raccolta di novelle Fluorescenze (Il Filo, Viterbo 2004), la raccolta di novelle e acquerelli  Sesso, orrore e fantasia (Massari, Bolsena 2005). Suoi racconti sono presenti in diverse raccolte antologiche; è, inoltre, apprezzato poeta, tanto che si è aggiudicato il Premio Internazione di Poesia “Coluccio Salutati” 2004. 

Da ultimo, ha vinto l'edizione 2005 del concorso “Profondo Giallo” con la novella “La Collana di Perle Celesti” che sarà prossimamente pubblicata nella collana il “Giallo Mondadori”. 

        

 

 

 

                                      

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010016332 »