Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il bambino perduto di Marghanita Laski 05/02/2006
 

Il bambino perduto   di Marghanita Laski – Edizioni nottetempo

 

Alla vigilia della seconda guerra mondiale Hillary, un poeta e ufficiale inglese, conosce e ama a Parigi Lisa, una profuga ebrea polacca, i cui genitori sono stati uccisi in Russia nel 1917. Si sposano e hanno  un bimbo che il padre vede solo per qualche ora il giorno prima che la Francia venga invasa.

Hillary e Lisa, nella convinzione che il paese riuscirà a opporsi al nemico, si dividono: lui va in Inghilterra a compiere il suo dovere di militare, lei e il piccolo restano a Parigi.

I fatti, come noto, non andranno così.

Hillary viene a sapere da un amico francese che Lisa, agente della resistenza, è stata uccisa e che prima di morire ha affidato il bambino a Jeanne, moglie appunto di questo amico. Jeanne, prima di essere arrestata (milita anche lei nella resistenza) affida il piccolo a un prete cattolico e poi non si sa più nulla.

Terminata la guerra, Hillary ritorna a Parigi, perché Pierre, l'amico francese, gli ha fatto sapere che forse ci sono delle tracce per poter ritrovare il bambino.

Le ricerche, in una Francia postbellica descritta mirabilmente, portano il padre in un misero orfanotrofio nel nord  del paese, dove esiste una creatura che potrebbe essere suo figlio.

Già, ma come riconoscerlo? Il dramma interiore di Hillary, nell'incertezza, nel travaglio dell'anima, nonché la pietà dell'adulto verso l'innocenza, sono delle pagine di una bellezza unica. Il romanzo, del resto, è scritto in punta di penna, con un rispetto per i sentimenti e gli avvenimenti che lo pone al di fuori di certe ricostruzioni di maniera. I personaggi sono tutti ben delineati, con un affetto tenero, ma garbato; indimenticabile è poi la figura del prete cattolico che salva i bambini ebrei nascondendoli nella cesta della biancheria della sua lavandaia.

Un romanzo ricco di sentimenti e di emozioni così difficili da trovare nei testi della nostra epoca.

 

L'autore

 

Marghanita Laski nasce a   Manchester nel 1915 e muore nel 1988. Per tutta la vita ha scritto su giornali e riviste; ha pubblicato, inoltre, saggi letterari, racconti e romanzi, fra i quali, il più noto, è appunto “Il bambino perduto”.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09110581 »