Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Recensioni  »  I mercanti di stampe proibite, di Paolo Malaguti, edito da Santi Quaranta 10/05/2018
 

I mercanti di stampe proibite

di Paolo Malaguti

Santi Quaranta Editrice

www.santiquaranta.com

Narrativa romanzo storico

Pagg. 264

ISBN 9788897210160

Prezzo Euro 14,00



Un notevole imbarazzo



Mi ricresce dirlo, ma questo autore mi mette in un notevole imbarazzo, alternando opere di ragguardevole valore con altre invero modeste. Reduce dalla lettura di Prima dell’alba e di Sul Grappa dopo la vittoria, opere entrambe che a mio giudizio sono dei capolavori, mi sono trovato per le mani I mercanti di stampe proibite, titolo già di per sé infelice (data la vicenda e i protagonisti avrei visto meglio I perteganti), come certamente non felice, o meglio non piacevole, mi è risultata la sua lettura. Le differenze di stile fra i due libri aventi per oggetto la Grande Guerra o gli anni immediatamente successivi (snello, conciso, ma non asciutto, per i primi, pesante, barocchesco invece per questo) sono tali da far pensare che non siano stati stilati dalla stessa mano, oppure che ci troviamo di fronte a uno scrittore che, alle prese con un evento più recente (la Grande Guerra) imposta una struttura ben diversa da quella di fatti accaduti parecchio tempo fa (i protagonisti di I mercanti di stampe proibite operano negli anni sessanta e settanta del Settecento). Le differenze non sono di poco conto, perché non è certamente piacevole trovare un autore così spiazzante, in negativo. Ora, non intendo dire che questo libro oggetto di mia critica sia un’opera scadente, ma più semplicemente che è di molto inferiore ai due che ho sopra cennato, forse troppo ben riusciti al punto da rendere impossibile, o comunque non logico qualsiasi raffronto. Ho peraltro da osservare che anche La reliquia di Costantinopoli presentava caratteristiche comuni a questo libro, un’opera verbosa e di una particolare grevità che mi ha accompagnato pesantemente nella lettura fino all’ultima pagina, vista in tutta sincerità come una liberazione.

Mi spiace scrivere certe cose, ma come ritengo giusto porre in risalto ciò che per me può essere considerato un capolavoro, del pari credo sia doveroso evidenziare anche ciò che non è riuscito o che comunque è inferiore alle aspettative.



Paolo Malaguti è nato a Monselice (Padova) nel 1978. Attualmente vive ad Asolo e lavora come docente di Lettere a Bassano del Grappa. Con Neri Pozza ha pubblicato La reliquia di Costantinopoli (2015), finalista al Premio Strega 2016. Tra le sue opere Nuovo sillabario veneto (BEAT, 2016) e Prima dell'alba (Neri Pozza, 2017).


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 09222212 »