Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Buio a Stromboli, di Ugo Amati - Edizioni Tabula Fati 12/04/2007
 

Buio a Stromboli

di Ugo Amati

Edizioni Tabula Fati

Narrativa – romanzo

Pagg. 144

ISBN: 88-7475-117-6

Prezzo: € 9,00

 

Stromboli, anni 70. L'isola non è ancora il paradiso turistico agognato da tanti, ma è un'isola scarsamente abitata, immersa in un mare infido e in una natura selvaggia, quasi morta se non fosse per il vulcano che di continuo fa sentire il suo cupo brontolio.

Ad essa approda nel 1974 l'autore, designato quale medico condotto di Ginostra, un paesino piccolo e di poche anime.

Perché il Dr. Amati, peraltro all'epoca assai giovane, ha scelto di isolarsi laggiù?

E' quello che sapremo leggendo il libro, che ha tutte le caratteristiche dell'autobiografia, peraltro limitata a un periodo di tempo breve, ma ritenuto dall'autore di notevole importanza.

Là, dove non esiste nemmeno la luce elettrica, dove si finisce con il tornare a una vita quasi primitiva, è possibile riflettere sul proprio passato e meditare sui giorni a venire.

Amati, che è medico psichiatra, ci offre ottime pagine di descrizione dell'ambiente, di conoscenze umane, rafforzate dalla solitudine proprie dell'isola, ma spesso indugia professionalmente sulle riflessioni, rendendole poco in sintonia con la narrazione, con un cambio di registro che a volte può anche stancare.

In questi casi ho letteralmente evitato di assimilare e ho preferito proseguire con l'aspetto narrativo, che è invece di buon livello e che riesce gradualmente a trasmettere un senso di serenità, proprio di chi ritrova se stesso a contatto con la natura. E' in questa chiave, in effetti, che deve essere letto il romanzo, un eccellente quadro di un'epoca e di un ambiente che non ci sarà possibile ritrovare.

 

 Ugo Amati è vissuto in Francia dove è stato in analisi con Jacques Lacan e dove ha lavorato presso la clinica La Borde diretta da Jean Oury.
     Psichiatra, psicanalista, è autore di numerose opere sui processi della creazione estetica e sullo spazio della follia. Alcune sue opere sono state tradotte e pubblicate all'estero. Vive e lavora a Roma.
     Tra le sue opere: Lo spazio della follia (Bertani, Verona 1974), L'uomo e le sue pulsioni (Melusina, Roma 1994), Arte, terapia e processi creativi (Borla, Roma 1996), L'anoressia dello spazio (Borla, Roma 1999), Gnosi e psicanalisi (Borla, Roma 2002), La psichiatria negata (Borla, Roma 2003), La pulsione di Orfeo (Borla, Roma 2004), La luce. Dialogo tra uno psichiatra e un pittore (Il Veliero, Pesaro 2007), Se Freud si fosse fermato a Rimini (Alpes, Roma 2006).

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010831607 »