Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Tevere, di Luciana Capretti, edito da Marsilio 29/01/2020
 
Tevere

di Luciana Capretti

Marsilio Editori

Narrativa

Pagg. 220

ISBN 9788831717410

Prezzo Euro 17,50



Avrebbe potuto essere assai meglio



Perdonatemi, 50 anni mi bastano, mi troverete nel Tevere Sul letto ha lasciato questo scritto, è uscita di casa in una sera piovosa, è stata vista nei pressi del Tevere e l’unica traccia tangibile sono i documenti lasciati su una sponda. Si è gettata nel fiume? Ha ideato un finto suicidio per sparire e magari rifarsi un’altra vita? Non c’è risposta, anche se è presumibile la prima ipotesi, naturale conclusione di una vita di sofferenze, prima con un padre padrone, poi con un marito superficiale che non cerca di aiutarla e che si è trovato un’amante.

Con questi elementi ci sono tutti i presupposti per una storia a tinte fosche, per squarciare l’animo della protagonista e portare alla luce il male oscuro che l’attanaglia. Luciana Capretti in parte ci riesce, ma va a complicarsi la vita con una struttura che, greve, caratterizzata da continui spostamenti temporali in avanti e all’indietro, toglie tensione, imbarazza il lettore che a un certo punto crede di perdere il filo del discorso, per poi ritrovarlo con non poche difficoltà. Ho notato anche negli ultimi due romanzi che ho letto (Pietro e Paolo e Una domenica, il primo di Marcello Fois, il secondo di Fabio Geda) questa tendenza marcata al flashback, espediente sempre difficile da inserire in una narrazione, tanto che il suo ricorso dovrebbe essere sporadico, e invece in questo libro e negli altri due che ho citato è assai frequente, e di conseguenza diventa irritante, a meno che non si ritenga inutile sforzarsi a riprendere il filo del discorso e allora la lettura diventa quella di una serie di episodi, non bene o mal scollegati fra loro.

Francamente da Tevere mi attendevo di più, anche perché questa incertezza fra puro dramma individuale e prosa poliziesca nuoce all’opera, con personaggi come quello del commissario di ben poco spessore, che sembra messo lì per far insorgere in chi legge il dubbio che il romanzo viri al giallo, per fargli balenare l’idea che si arriverà a una soluzione certa. E invece di fare un discorso lineare in cui il drammo umano della protagonista viene posto in risalto in crescendo, lasciando intuire che la decisione presa era ormai l’unica possibile, si innestano, anche con i flashback, una serie di vicende marginali di cui poche hanno a che fare in modo ponderato e importante con la trama.

Se devo essere proprio sincero il romanzo non mi è piaciuto proprio, pur riconoscendogli l’originalità della vicenda, ma come sempre le idee, anche le migliori, non riescono a essere efficaci se sono mal presentate, se la confezione è carente, in pratica se la struttura dell’opera, come in questo caso, è debole.




Luciana Capretti è nata a Tripoli (Libia), ha studiato a Roma, è stata corrispondente da New York per più di vent’anni. Per la Rai ha realizzato reportage in Uganda, Moldova, Armenia, Vietnam, Cambogia, Guatemala e Canada che hanno conquistato premi internazionali. Il suo primo romanzo, Ghibli (Rizzoli 2004), finalista ai premi Gaeta e Sanremo, ha vinto il Rapallo Opera Prima. Attualmente risiede a Roma e lavora al  tg2.


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 010546351 »