Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La saga dei Borgia, di Antonio Spinosa, edito da Mondadori. 10/02/2020
 
La saga dei Borgia.

Delitti e santità

di Antonio Spinosa

Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.

Stotia

Pagg. 266

ISBN  9788804678557

Prezzo Euro 14,50



Un casato tristemente famoso



Antonio Spinosa in questo suo saggio storico relativo alla famiglia Borgia mi è sembrato meno incisivo e scorrevole che in altre sue opere analoghe aventi per oggetto personaggi di epoche più recenti. Peraltro anche l’impostazione del libro mi ha lasciato piuttosto perplesso, con una larga parte iniziale dello stesso in cui si parla di Francesco Borgia (Gandia, 28 ottobre 1510 – Roma, 30 settembre 1572), discendente in linea retta del pontefice Alessandro VI, a differenza del quale condusse, dopo la morte della moglie, una vita di integerrimo religioso, diventando Preposto generale della Compagnia di Gesù, e dopo la sua scomparsa dapprima beatificato e poi santificato per i miracoli che gli furono attribuiti. Questa figura indubbiamente riscatta la triste nomea dei Borgia, con il trio Rodrigo, Lucrezia e Cesare, vituperato quando furono in vita (benchè poi Lucrezia, divenuta sposa di Alfonso d’Este e quindi duchessa di Ferrara, abbia tenuto in quella cittadina non solo un comportamento irreprensibile, ma addiritura vi sia morta in odore di santità). L’aver posto la vita di Francesco in primo piano ha appunto il significato di smorzare da subito le inevitabili illazioni che sorgono ancor oggi in chi sente pronunciare il nome Borgia, anche perché il comportamento di Alessandro VI, fra tanti intrighi, omicidi e guerre, non fu dissimile da quello dei potenti Signori a lui contemporanei. E allora perché tutta questa acredine, l’attribuzione di innumerevoli delitti, in parte del tutto gratuita, il richiamo alle peggiori nefandezze associate al nome Borgia? Alessandro VI, avvalendosi dell’opera di suo figlio Cesare, di ineccepibili capacità militari, ambiva sottomettere l’intera Italia, dando vita a uno stato nazionale retto appunto dal figlio. Poichè almeno agli inizi questo progetto sembrava si dovesse avverare è evidente che i Signori degli staterelli italiani, minacciati nel loro potere, non potevano che vedere i Borgia come il massimo pericolo e quindi costruire per loro un’immagine che, nel farli assomigliare a dei diavoli, tendesse anche a porre in risalto, accentuandoli, vizi e difetti, e sminuendo le eventuali virtù.

Se la prima parte, cioè quella dedicata a Francesco Borgia, nell’esposizione è scorrevole, nella seconda, laddove appunto si parla di Rodrigo e dei figli, la necessità anche di concentrare tante notizie in un numero di pagine non rilevante implica una sintesi a volte soffocante, è come se il motore della narrazione prendesse ad avanzare a fatica.

E’ un peccato, perché i personaggi aono di grande interesse e avrebbero meritato ben altra attenzione, sicuramente superiore a quella riservata al loro discendente Francesco, bisnipote di Alessandro VI.


Antonio Spinosa, giornalista e scrittore, è stato direttore del nuovo «Roma», dell'agenzia Italia, della «Gazzetta del Mezzogiorno» e di Videosapere-rai; inviato speciale del «Corriere della Sera» e del «Giornale». È autore di numerosi saggi storici, politici, di costume e di biografie di personaggi che hanno c"ambiato il mondo e l'Italia in particolare, tra cui "Cesare", "Tiberio", "Augusto", "Paolina Bonaparte", "Murat", "Starace", "Mussolini", "Vittorio Emanuele III", "Hitler", "Pio XII", "Salò", "Edda", "Italiane", "L'Italia liberata", "La grande storia di Roma", "La saga dei Borgia", "Mussolini razzista riluttante", "Alla corte del duce", "Churchill", "Il potere", il destino e la gloria", "Cleopatra", "D'Annunzio", tutti editi da Mondadori.
Ha vinto il Premio Estense, il Saint-Vincent, il Bancarella, il premio Donna Città di Roma ed è stato finalista al premio Strega 1996 con Piccoli sguardi.


Renzo Montagnoli

 




 
©2006 ArteInsieme, « 010546363 »