Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Trincee di Carlo Salsa 21/02/2006
 

Trincee (confidenze di un fante)   di Carlo Salsa – Edizioni Mursia

Di romanzi aventi come oggetto la prima guerra mondiale ne sono stati scritti molti e alcuni hanno ottenuto una fama meritata, come per esempio il celeberrimo “Niente di nuovo sul fronte occidentale” di Erich Maria Remarque. Il secondo conflitto non ha trovato un eguale fioritura di opere, fatta eccezione da noi per quelle relative alla resistenza. Mi sono sempre chiesto il perché di questa differenza e penso che il motivo risieda nella particolare drammaticità di questo evento bellico che, pur non coinvolgendo, se non sporadicamente, le popolazioni civili, ha mietuto vittime fra i militari in misura inaudita, a causa di concezioni strategiche e tattiche obsolete, pur a fronte dei nuovi potenti e distruttivi mezzi forniti dalla tecnologia.
La guerra in trincea era di per se stessa un inferno per la precarietà dei ricoveri, per la natura del terreno, per la sempre presente scarsa considerazione dei combattenti, numeri e non esseri umani, da usare semplicemente come bestie da macello.
In questo quadro il libro di Carlo Salsa si differenzia dagli altri per la sua struttura e, più che un romanzo, può essere considerato una testimonianza scritta di vita vissuta; nulla a che fare con un diario, tuttavia, perché l'intreccio, la trasposizione degli eventi sono propri del romanzo, anche se la narrazione in prima persona, l'emozione effettivamente provata ne danno una luce tutta sua e notevolmente esplicativa di quella che doveva essere l'angoscia che tormentava di continuo i soldati, giorno dopo giorno, ora dopo ora.
Scritto con sobrietà, senza mai cedere nulla alla retorica, né cercar di muovere a facili pietismi, è un affresco di rara bellezza di un evento tragico che ha segnato un'epoca e una generazione; non vi sono certo trionfalismi, ma la sofferta consapevolezza dell'assurdità della guerra, che distrugge le cose, gli uomini e, questi, anche dentro.
Preciso che l'intenzione, più che riuscita, dello scrittore non è tanto quella di portare alla commozione il lettore, ma di farlo riflettere sui veri valori della vita, così vilipesi e calpestati dall'orrore dei conflitti. E a tal proposito ben scrive Carlo Salsa nella sua introduzione “E allora, se la guerra dev'essere una partita d'interesse, si sappia cos'è. Nel preventivare le passività, si approfitti della ragioneria e si lasci da parte la retorica”.

L'autore

Carlo Salsa (1893 – 1962) chiamato alle armi nel 1914, all'inizio della Prima guerra mondiale fu inviato subito sul fronte del Carso, quale tenente di fanteria; combatté sempre in prima linea, fu ferito e infine fu fatto prigioniero dagli austriaci.
Nel 1929 fondò con Leonida Rèpaci e Alberto Colantuoni il Premio Viareggio.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010282304 »