Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Faglia - Faulto (poesie). Avviamento all’esperanto, di Alessandro Ramberti, edito da Fara 19/12/2020
 
Faglia - Faulto (poesie). Avviamento all’esperanto

di Alessandro Ramberti

Fara Editore

Poesia

Pagg. 144

ISBN 978 88 97441 25 0 

Prezzo Euro 10,00


La fede e la speranza




Tralascio il discorso dell’esperanto, una lingua universale che sembra essere sempre in procinto di essere adottata, ma poi immancabilmente tutto cade; del resto mi interesso di poesie e sono quindi quelle di questa raccolta che vado a esaminare.

Premetto che Ramberti non è autore che verseggia con spirito dilettantistico, ma che invece è caratterizzato da una ricerca certosina delle parole giuste che, incastonate fra le altre, oltre a dare un senso estetico, forniscono esse stesse la chiave per una comprensione del tema esposto (Nel campo risplendono i papaveri / frammisti con grazia alle alte spighe / i corvi col nero del piumaggio / costellano a caso il coltivato / mettendo in risalto il biondo-grano / colorano il bello del creato.). Sembra un quadretto idilliaco e anche lo è, ma cela nel suo insieme una visione del perfetto equilibrio del creato, non nato e realizzato per caso, ma ideato e concretizzato da un’Entità superiore che non ci è dato di comprendere, ma solo di osannare. Comunque non è che le poesie della raccolta siano unite da un fil rouge, da un tema svolto che le accomuni, sono invece più frequenti riflessioni su valori e su evidenze, su aspetti e su sentimenti ( Gli amici ti aspettano pazienti / ti tirano fuori dallo Stige /gioiscono quando si è contenti.). Meglio non si sarebbe potuto dire del valore e dell’importanza dell’amicizia, ma, attenzione, di quella vera che ti aiuta a toglierti dai guai e che gioisce con te quando sei contento; poche parole, tre versi, apparentemente in facilità, e da un sentimento primordiale che da sempre accompagna l’uomo si dipana una visione e una definizione che non lascia adito a dubbi, che chiunque può ben comprendere. E poi, forse più che in altre, la raccolta presenta poesie intrinsecamente armoniose, dotate di una musicalità che deriva da una struttura equilibrata in cui nulla è dovuto al caso, e questo senza tralasciare i contenuti ( Diventi viandante camminando / e prendi con te poche parole / le pause fra loro son distanze / / le colmi coi passi con gli incontri / nel petto rifletti e immagazzini / le voci gli sguardi le posture / / ti trovi così – ti ridisegni / nei volti nei canti nell’ignoto / al vento che chiama ti consegni.). La vita appare così come un viaggio, un percorso a cui abbandonarsi secondo le decisioni di un destino non anonimo, ma capace di comprendere e di accettare l’umana debolezza, l’atavica paura, la lenta corrosione di un animo ferito (Le lacrime il pianto sono soglie / che aprono pagine intestine / conati che il Padre sempre accoglie.). Ma il percorso è anche letterario, addirittura filosofico, ed è sempre supportato dalla presenza della speranza, frutto della fede, che appunto consente di poter logicamente auspicare tempi e vite migliori; ed ecco allora che mi viene il sospetto che la guida introduttiva all’esperanto, comprendente anche alcune poesie della raccolta tradotte in tale lingua, sia un simbolo di speranza, di un’attesa non catatonica, nè disperata di un uomo nuovo in un mondo nuovo. Sarà così? Forse sì, ma forse anche no, sebbene mi piaccia l’idea; probabilmente può sembrare una chimera, un sogno, ma è un sogno meraviglioso da cui è piacevole lasciarsi incantare.



Alessandro Ramberti (Santarcangelo di Romagna, 1960) laureato in Lingue orientali a Venezia, ha vinto una borsa (1984-85) per l’Università Fudan di Shanghai. Nel 1988 consegue a Los Angeles il Master in Linguistica presso l’UCLA e nel 1993 il dottorato in Linguistica presso l’Università Roma Tre. Ha pubblicato in prosa: Racconti su un chicco di riso (Pisa, Tacchi 1991) e La simmetria imperfetta con lo pseudonimo di Johan Thor Johansson (1996). In poesia: In cerca (2004, Premio Alfonso Gatto opera prima e altri), Pietrisco (2006, premi Poesi@&Rete e Cluvium), Sotto il sole (sopra il cielo) (2012, Premio speciale Firenze Capitale d’Europa), Orme intangibili (2015, Premio Speciale Casentino, II class. Tra Secchia e Panaro). Nel luglio 2017 è uscita la raccolta Al largo (Premio speciale Cittadellapoesia, III class. Premio Graziano). Con l’Arca Felice di Salerno ha pubblicato la plaquette Inoltramenti (2009) e tradotto 4 poesie di Du Fu: Paese in pezzi? I monti e i fiumi reggono (2011). Con la poesia Il saio di Francesco ha vinto il Pennino d’oro al Concorso Enrico Zorzi 2017. Nel 2019 è uscita la raccolta Vecchio e nuovo (Medaglia d’oro Premio Frate Ilàro 2019, II al Premio Universum Basilicata 2020, I al Premio Russell 2019, III al Premio Paolo Amato Città di Ciminna 2019, III al Premio Tra Secchia e Panaro 2019).


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 011258655 »