Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La legione invincibile. Il legato romano, di Guido Cervo, edito da Piemme 14/03/2021
 
La legione invincibile.

Il legato romano

di Guido Cervo

Edizioni Piemme

Narrativa romanzo storico

Pagg. 432

ISBN 9788856659726

Prezzo Euro 16,00



Non solo guerre




Secondo volume della celebre trilogia, La legione invincibile parla di uno dei periodi più difficili per l’impero, assalito da orde di barbari che uccidono, violentano, saccheggiano impoverendo e provocando una tremenda carestia. Il legato Valerio Metronio è pressochè isolato a Mogontianum, forse l’ultimo baluardo romano sul Reno. Non deve far fronte però solo alle scorrerie dei barbari perché la fame porta a rivolte interne, acuite anche dall’atteggiamento irresponsabile degli accaparratori. Si tratta tuttavia di attendere perché il nuovo imperatore Aurelio Probo, uomo pragmatico e deciso, sta accorrendo in soccorso con un potentissimo esercito, con il preciso scopo anche di risolvere una volta per tutte il problema dei confini attraverso cui arrivano invasioni a ondate. In un contesto militare con belle pagine di battaglie c’è anche ampio spazio per il rapporto fra Valerio Metronio e la moglie Idelnia, nochè per altri protagonisti tutti dotati di un’innegabile carica di simpatia. Anche questo secondo romanzo, benchè un po’ dispersivo per l’elevato numero dei personaggi, ha più di un motivo di attrazione che non è legato solo alle vicende storiche, ma anche alla costruzione di un tessuto meno semplicistico in grado di dare una visione più completa del mondo romano. Così si apprendono notizie utili su come si viveva, su come erano i rapporti interpersonali in una società classista, convinta di rappresentare la civiltà di fronte all’ignoranza di popoli non sottomessi (i barbari), relegati spesso (ma non è il caso di questo romanzo) a figure stereotipate, vale dire gente ignorante e rozza, priva di sentimenti e in preda solo a bramosie ispirate al più acuto materialismo.

Resta sempre pregevole la capacità dell’autore di ricreare ambienti e atmosfere, di far rivivere al lettore una grande battaglia dell’epoca quasi rendendolo partecipe, insomma, per non dilungarmi troppo, ancora una volta Guido Cervo ha fatto centro e ha assicurato alcune ore di piacevole e istruttiva lettura.




Guido Cervo vive e lavora a Bergamo. È autore di romanzi di successo, tutti pubblicati da Piemme, tra cui "La trilogia del Legato romano", che ora viene riproposta, nel suo primo volume, in una nuova versione, la serie Il Teutone e due romanzi che affrontano i tragici conflitti mondiali del Novecento: Via dalla trincea e Bandiere rosse, aquile nere.


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 011272265 »