Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Mai tardi. Diario di un alpino in Russia, di Nuto Revelli, edito da Einaudi 30/04/2023
 

Mai tardi.

Diario di un alpino in Russia

di Nuto Revelli

Edizioni Einaudi

Narrativa

Pagg. 224

ISBN 9788806246662

Prezzo Euro 12,00

 

 

Cronaca di giorni terribili

 

 

Nuto Revelli, uscito dall´Accademia Militare di Modena con il grado di sottotenente, assegnato alla fanteria nel corpo degli Alpini, nel 1942 partì volontario per il fronte russo con la Seconda Divisione Alpina Tridentina, inquadrato nel battaglione "Tirano" del 5° reggimento alpini. Già sulla tradotta per raggiungere i campi di battaglia cominciò a dubitare delle tronfie parole e delle promesse del fascismo, scoprì quanto il nostro alleato tedesco ci disprezzasse, ebbe modo di vedere la triste sorte degli ebrei. Di questi giorni di viaggio, della permanenza in prima linea e della lunga tragica ritirata conservò un diario pressoché giornaliero, scritto con calligrafia minutissima onde risparmiare spazio. A differenza del Sergente nella neve di Mario Rigoni Stern che racconta dello stesso periodo di tempo e dei medesimi luoghi ed eventi, ma in forma di romanzo, pur conservando i fatti nell´esatto accadimento, il diario è naturalmente più succinto, ma anche più immediato, con i periodi snocciolati a raffica che mostrano l´atroce realtà delle cose, senza lasciare spazio a interpretazioni e a riflessioni, solo ciò di cui Revelli fu testimone, una cronaca tesa, asciutta che riesce a rendere con grande efficacia la tragedia di quei giorni. Proprio per questo, appunto perché è una cronaca dei fatti, è di grande impatto sul lettore che vive le continue delusioni per la disorganizzazione del nostro esercito, per le ruberie pressoché istituzionalizzate, per l´incapacità di molti dei comandanti, per la retorica che prevale pressoché sempre sulla logica. Ne esce un quadro aspro, dolente, monta nel lettore la stessa rabbia che doveva aver provato Revelli, unita alla delusione per essersi accorto di aver sempre vissuto prima nella menzogna imposta da un regime in disfacimento.

Soprattutto la ritirata nella neve, con un freddo polare, fa diventare i superstiti, il cui numero si assottiglia sempre di più, dei dannati che si aggirano in un girone dantesco, in una bolgia in cui le colonne degli sbandati si ostacolano a vicenda e dove resiste ormai in pochi l´umana pietà. E´ un si salvi chi può in una marcia che lascia dietro di sé veicoli incidentati, armi e zaini, corpi e anche morenti, a cui non è possibile prestare il minimo soccorso.

In questo quadro è inevitabile che non si creda più al fascismo, lo si consideri colpevole dello sfacelo, si comincino a odiare i profittatori che sono presenti anche in quei tragici giorni, monti un odio implacabile nei confronti dei tedeschi, che considerano i nostri soldati semplicemente dei servi, nei cui confronti usare a piacimento tante prepotenze.

Nuto Revelli riuscirà a uscire dalla sacca in cui lui e gli altri erano accerchiati, tornerà in Italia e già nel 1946, a guerra finita e dopo un´esperienza di grande Partigianato, prenderà di nuovo in mano questo diario e lo farà pubblicare con il titolo Mai tardi Diario di un alpino in Russia, perché tutti, soprattutto quelli che non c´erano, non solo potessero, ma dovessero sapere.

Da leggere.

 

 

Nuto Revelli (Cuneo, 1919-2004), ufficiale degli alpini in Russia e protagonista della Resistenza nel cuneese, si è battuto per anni per dare voce ai dimenticati di sempre: i soldati, i reduci, i contadini delle campagne piú povere. Tra i suoi libri, tutti editi da Einaudi, La guerra dei poveri (1962), La strada del davai (1966 e 2010), Mai tardi (1967 e 2008) , L'ultimo fronte (1971 e 2009) , Il mondo dei vinti(1977), L'anello forte (1985) Il disperso di Marburg (1994 e 2008), Il prete giusto (1998 e 2008), Le due guerre (2003 e 2005). 

 

Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 014314900 »