Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il mercante di Prato, di Iris Origo, edito da Corbaccio 15/07/2023
 

Il mercante di Prato.

La vita di Francesco Datini. Alle origini del capitalismo italiano 

di Iris Origo

Corbaccio Editore

Biografia

Pagg. 372

ISBN 978-8879725897

Prezzo Euro 21,00


Ritratto di un progenitore del capitalismo


Chi direbbe che l´autore di Il Mercante di Prato è lo stesso di Guerra in Val d´Orcia? E invece è così, perché Iris Origo, che così bene ha tratteggiato l´esperienza personale del secondo conflitto mondiale in Val d´Orcia, ha scritto anche la biografia di questo mercante di Prato, vissuto nella seconda metà del XIV secolo, un uomo che si fa da sé e che è il prototipo del moderno mercante. Sa investire e sa differenziare gli investimenti per limitare il rischio, accumula i guadagni non per tenerli in saccoccia, ma per renderli produttivi. Formatosi ad Avignone, allorché era sede papale, è ovunque presente con filiazioni laddove esista una possibilità di commerci e di guadagni, non vive per il denaro, ma per il piacere di accrescere le proprie capacità imprenditoriali, un uomo raro anche oggi e che, in un periodo storico in cui era perfino impossibile pensare che un giorno ci sarebbero stati i computer, tiene scrupolosamente i registri contabili, ha un attrezzato un archivio della corrispondenza, insomma è uno che non teme di lasciare traccia di sé e infatti la sua corposissima documentazione è stata rinvenuta nel XIX secolo durante i lavori di restauro del suo palazzo. Iris Origo ne ha preso visione, l´ha catalogata, l´ha usata a supporto di una biografia che si potrebbe anche intitolare "Nascita del capitalismo in Italia", e in questo senso questo libro è un testo di storia economica, fonte indispensabile per gli studiosi della materia, perché se ogni epoca ha i suoi eventi in tema, restano sempre quelle le motivazioni che portano alla nascita del capitale. Francesco Datini non avrebbe mai potuto immaginare che dopo quasi sei secoli una donna avrebbe messo meno ai suoi conti, alle sue carte, alle sue lettere per dare vita a un´opera il cui valore è senz´altro rilevante, tanto più rilevante ove si consideri che il capitalismo di Datini ha il volto umano, non è gretto, non persegue la ricchezza per la ricchezza, ma per realizzare un sogno che è in lui e che sempre l´accompagna, senza dimenticare che il materialismo di tanti oggi stride con l´umanità di un uomo che, ricco a dismisura, donò la sua immensa fortuna per opere di carità, timoroso sì di quel che avrebbe potuto trovare nell´aldilà, ma anche consapevole che la vita è fatta di dare e avere e che lui, che per la sua capacità tanto aveva avuto, era giusto che altrettanto restituisse.

E´ brava Iris Origo, perché quando c´è questa abbondanza di materiale è un momento perdere il filo del discorso, e invece lei ha saputo scegliere, così che, oltre alla vita di questo mercante, ha fornito anche il ritratto di un´epoca, nelle sue più normali e consuete sfaccettature. Ha capito infatti che esiste interdipendenza in tutti gli eventi e che anche l´economia non è materia astratta, ma è da correlare all´etica e agli aspetti sociali del periodo storico a cui si riferisce.

Da leggere, senz´altro.


Iris Origo (Birdlip, 15 agosto 1902; Siena, 28 giugno 1988) ha raggiunto la fama con alcune opere come Il mercante di PratoImmagini e ombreUn brivido nell'aria e, soprattutto, Guerra in Val d'Orcia, un diario divenuto un classico della letteratura di guerra, che svela le condizioni dell'Italia e della vita nelle sue campagne prima della grande trasformazione seguita alla fine del conflitto e allo sviluppo economico.


Renzo Montagnoli





 
©2006 ArteInsieme, « 014285339 »