Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il lupo della steppa, di Hermann Hesse – Edizioni Mondadori 28/02/2008
 

Il lupo della steppa

di Hermann Hesse

Introduzione di Daniela Idra

Edizioni Mondadori

Collana Oscar

Narrativa – romanzo

Pagg. 194

ISBN: 9788804420972

Prezzo: € 7,80

 

Isolamento dal mondo esterno e incapacità di far parte della società: questo è il grande tema de Il lupo della steppa, romanzo scritto dal grande autore tedesco nel 1927.

Nulla però in natura è completamente assoluto e quindi quella sorta di muraglia costruita a protezione dell'io interiore non è una difesa sufficiente e non è invalicabile.

Il protagonista, un intellettuale di cinquant'anni di nome Harry Haller, ha dei momenti in cui il mondo esterno lo attira, incuriosendolo. Inevitabile è quindi che riemerga la lotta fra i due “io” e che provochi uno stato di estremo disagio e incertezza tra giusto e sbagliato, tra essere razionale ed essere bestiale, istintivo, non ponderante.

In questa condizione Haller è assolutamente incapace di prendere qualsiasi decisione, perfino quella del risolutorio suicidio a cui tuttavia si approssima per ritrarsi sconvolto e incerto. Non è più nulla, la razionalità e l'irrazionalità in contrasto finiscono semplicemente con l'annientare il protagonista.

Ma allora perché come titolo Il lupo della steppa?

L'uomo ha una duplice natura, come anche ho scritto sopra; al suo interno convivono l'aspetto umano che lo porta a coesistere con i suoi simili e l'aspetto bestiale (o lupino) che lo conduce a isolarsi, a chiudersi al mondo.

Sarà solo alla fine di questo splendido romanzo che, nel teatro magico, una sorta di rappresentazione del puro inconscio, un saggio dell'oriente rivelerà che nell'uomo non esiste un'unica personalità, ma ne esistono molteplici, in perenne contrasto.

E'un'opera di rilevante valore, ma non di facile lettura, perché presuppone l'abitudine di guardare continuamente dentro di sé, in linea con quella che può essere considerata una vocazione all'introspezione psicologica. 

Può sembrare di primo acchito un tema di estrema malinconia e per nulla positivo, ma così non è perché Hesse, pur ammettendo l'esistenza del problema, meditato e rimeditato nel corso di un periodo di profondo grigiore che lo afflisse, alla fine fornisce un antidoto, una soluzione all'apparenza illogica, ma di profonda e concreta realtà: per superare il dolore di vivere non c'è che l'umorismo, la risata immortale. Quindi, mai prendere troppo sul serio se stessi e i propri sentimenti, perché dietro l'angolo inevitabile si cela la follia di vivere.

 

 

Hermann Hesse (Calw, 2 luglio 1877 – Montagnola, 9 agosto 1962) è stato uno scrittore, poeta e pittore tedesco.

Ha scritto i romanzi Peter Camenzind, Demian, Siddharta, Il lupo della steppa, Narciso e Boccadoro, Il mago della pioggia, Il gioco delle perle di vetro.

Nel 1946 gli fu conferito Il Premio Nobel per la Letteratura.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834367 »