Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Esercizi per la felicità, di Ivan Fedeli – Edizioni Il Foglio 20/03/2008
 

Esercizi per la felicità

di Ivan Fedeli

Posftazione di Fabrizio Bianchi

Edizioni Il Foglio

www.ilfoglioletterario.it

ilfoglio@infol.it

Poesia – silloge

Pagg. 80

ISBN: 8876060979

Prezzo: € 10,00

 

 

 

Sono dell'idea che Ivan Fedeli abbia anche nella vita di tutti i giorni il senso di autoironia che caratterizza questa silloge, composta in realtà da cinque brevi raccolte, più una poesia finale.

Quel mondo che è fatto di ripetitività, di gestualità banali, quel condurre l'esistenza secondo un canone prefissato sono il tema della poetica di Ivan Fedeli, osservatore disincantato della realtà che ci circonda, pronto a coglierne anche le più sottili sfumature in una rassegnata ironia, che pur tuttavia si riflette in una profonda malinconia, una sorta di precoce consapevolezza della nullità del nostro normale essere (…Un  mondo di indirizzi e mezzi incroci  / da scegliere per nuove prospettive,  / intanto si rimbalza a senso alterno, / e forte è l'onda opposta di chi vive. / E' meta poi raggiungere un inverno / sapere quanto attenti alla deriva / rimangono quei giorni senza perno / lasciati a latitudine festiva.).

E nulla sfugge ai suoi occhi, perfino il rito obbligatorio della vacanza (Vacanza a tutto andare se si può: / ciascuno e la sua rimini, il suo monte, / il mare più esclusivo che si vende. /…).

Il tutto in un tono quasi scanzonato, una sorta di apodittica commiserazione, che raggiunge anche vertici di suggestivo sarcasmo (E quindi uscimmo a riveder le stelle / ma solo come viaggio d'occasione / tra treni e voli charter già scontati, e tutto a mordi e fuggi senza nome. /…).

Ma dov'è mai questa felicità e che cosa sono questi esercizi per raggiungerla?

Secondo la mia opinione, il poeta ha da un lato inteso descrivere a chiare lettere ciò che significa felicità per una società che si inventa tutto, anche appunto la felicità, e dall'altro, invece, è quanto non è conforme alle regole, nella convinzione che, in ogni caso, la felicità sia una chimera (…/ Resisto stando a galla finché posso / pensando a quando cambia la stagione. /…) e comunque un'illusione (Togliamoci di dosso l'uniforme / che bastano gli occhiali a mascherare, / qui servono altri tempi non deformi / a vendere anche il pepe con il sale. /…).

Sono rasoiate che incidono e non è che il tono e l'armonia quasi da canzoniere possano lenire il dolore di una verità che inconsciamente ci è propria, ma che non vogliamo ammettere, perché l'unica alternativa al vivere comune è rappresentato dall'appartarsi, dal chiuderci in noi stessi, recitando consapevolmente all'esterno la commedia di tutti i giorni, ma negandola continuamente al nostro interno.

E' un dualismo, quindi, che solo un poeta si può permettere, e Ivan Fedeli è un poeta, non solo, ma anche uno di quelli sicuro valore.

 

 

 

Ivan Fedeli è nato a Monza (Mi) nel 1964.
Insegna materie letterarie e si occupa di scrittura creativa.
Ha pubblicato diversi percorsi poetici: Abiti comuni (Il Ponte Vecchio), Una religione di parole (La Fenice), Dialoghi a distanza nel volume "Sette poeti del Premio Montale" (Crocetti), Vie di fuga (Biblioteca di Ciminiera - GED edizioni), Un mondo mancato (Il Foglio), Inventario della specie Opaca (LietoColle).
Sue poesie sono apparse su alcune riviste letterarie.
Si sono occupati della sua produzione poetica Raffaele Crovi, Alberto Bertoni, Mara Cini.
È redattore della rivista Le Voci della Luna e socio di Milanocosa dal 2005.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834278 »