Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Stagioni, di Mario Rigoni Stern – Edizioni Einaudi 04/04/2008
 

Stagioni

di Mario Rigoni Stern

Edizioni Einaudi

Narrativa - romanzo

Pagg. 143

ISBN: 9788806184001

Prezzo: € 10,80

 

 

 

Mario Rigoni Stern, classe 1921, è un uomo che scrive da sempre quel che ha vissuto, senza quindi inventarsi storie, ma cogliendo con rara abilità ogni sfumatura dell'esistenza, in una simbiosi perfetta con il mondo in cui vive.

Ne è un'ulteriore riprova questo volume, che parla di stagioni, sempre uguali nel loro avvicendarsi e pure sempre così diverse.

Ma non si tratta solo dei periodi dell'anno, bensì anche di quelli di una vita e in questi riemergono i ricordi dei predecessori che già vissero quelle stagioni.

Mario Rigoni Stern ci offre un'opera di sublime bellezza, frutto di esperienza di vita, di profondo rispetto e amore per la natura.

Le sue parole scendono sulla carta svolazzando come fiocchi di neve, le osservazioni, le memorie si accavallano, dando luogo a una narrazione in apparenza discontinua, ma che finisce con l'avvincere in modo inequivocabile. Arrivato alla fine, all'ultima pagina, è stata tanta la commozione che mi sono accorto di piangere, un gesto liberatorio per la gioia incontenibile che mi ha preso e che ora si è mitigata in una rilassante serenità.

Rigoni Stern comincia con l'inverno (Sono nato alle soglie dell'inverno, in montagna, e la neve ha accompagnato la mia vita) e la neve è lo sfondo di scenari che si avvicendano, fra il presente del bosco e il passato della drammatica campagna di Russia, emblemi della natura e della violenza dell'uomo.

Gli eventi del tempo trascorso sono giustamente mediati, quasi un intermezzo del presente, invece vivo, vitale, emergente dalle pagine con il profumo dell'aria, i richiami degli animali, lo scenario che prende corpo e che idealmente sembra che compaia di fronte agli occhi.

Ecco, questa capacità di trasmettere, di dare vita a immagini che toccano tutti i sensi è semplicemente sbalorditiva e suscita un'emozione che cresce pagina dopo pagina.

Dopo l'inverno viene la primavera ( Sensi e fantasia ti aiutano a scoprire la primavera del bosco, che è misteriosa, segreta, viva), con l'odore fresco dell'erba bagnata, con i trilli delle allodole, con il risveglio di tutta la natura, ma anche con il percorso nel bosco dello scampato al lager tedesco, l'inizio esaltante della ritrovata libertà; i ricordi in una stagione viva sono più numerosi e così si passa da una visita a Versailles durante il crepuscolo alla figura del nonno adorato, che fumava i sigari Virginia e che ora riposa con i suoi vecchi compagni “nati sotto Francesco Giuseppe e morti sotto Vittorio Emanuele”.

L'estate ha le sue caratteristiche (L'estate in montagna è sempre breve; anche la notte estiva è breve a rinfrescare l'aria; la luna calante e il crepuscolo dell'alba, con le due diverse tonalità, creano una luce sparsa sulle cime e nell'alta valle, ma dentro il bosco la notte ancora non si dissolve.), con le femmine del cervo che si appartano per dare alla luce i piccoli e con il taglio rituale del bosco, ma anche con memorie più estive, come la storia di Nello del Dosso o le vacanze nel Salento, o in Croazia.

E infine arriva l'autunno (Le foglie degli aceri montani hanno preso la luce dall'ambra e la brezza del mattino le stacca dai rami, adagiandole al suolo).

Il sottobosco è rigoglioso ed è la stagione buona per la caccia, magari per una battuta a Naturno, quasi un rito di origini antiche; ma è anche un'ultima stagione, con il toccante episodio dello zio Arrigo che, ormai molto anziano, si trascina faticosamente sull'altipiano a rivedere i luoghi dove ha combattuto durante la prima guerra mondiale, a rievocare e a risentire l'incombenza della morte, quasi il tentativo di esorcizzarla ora che per lui la vita volge al termine. 

A questa stagione si accompagna una dolce malinconia e il libro si chiude, così com'era iniziato, con le avvisaglie di neve, un perpetuarsi di stagioni, di nascite e di morti, un infinito ciclo vitale.

Leggere questo libro è come scrutare dentro l'anima dell'autore, riscoprire con lui i valori di un'esistenza semplice, in perfetta sintonia con la natura.

Non c'è una pagina che sia inferiore all'altra e tutto è in perfetto equilibrio, come la vita di un uomo che è in pace con tutto e con se stesso.

E' superfluo che aggiunga che raccomando vivamente la lettura di questo autentico capolavoro.

 

Mario Rigoni Stern è nato nel 1921 ad Asiago, dove vive tuttora.

Ha scritto Il sergente nella neve (1953), Il bosco degli urogalli (1962), Quota Albania (1971), Ritorno sul Don (1973), Storia di Tönle (1978) (Premio Campiello e premio Bagutta), Uomini, boschi e api (1980), L'anno della vittoria (1985), Amore di confine (1986), Il libro degli animali (1990), Arboreto selvatico (1991), Le stagioni di Giacomo (1995) (Premio Grinzane Cavour), Sentieri sotto la neve (1998), Inverni lontani (1999), Tra due guerre e altre storie (2000), L'ultima partita a carte (2002), Aspettando l'alba e altri racconti (2004), I racconti di guerra (2006), Stagioni (2006).

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834290 »