Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il cerchio imperfetto, di Sabrina Campolongo – Edizioni Creativa. 10/04/2008
 

Il cerchio imperfetto

di Sabrina Campolongo

Prefazione di Rosella Postorino

Edizioni Creativa

Narrativa – romanzo

Collana Declinato al femminile diretta da Francesca Mazzucato

Pagg. 174

ISBN: 9788889841433

Prezzo: € 12,00

 

 

 

Il cerchio imperfetto è un romanzo dolente, intriso dello stesso intenso angosciante dolore di cui è preda la protagonista, Francesca, pittrice di grande talento, famosa per i suoi ritratti che riescono mostrare l'intima essenza dei soggetti.

Questa donna, ancor giovane e piacente, cerca di cancellare il ricordo di un'infanzia infelice e, soprattutto, la disgrazia di avere un figlio ricoverato in un istituto specializzato, perché autistico e con sintomi schizofrenici.

La sua famiglia - quella che era riuscita a costruire con il matrimonio -  non esiste più, perché il marito, uno scienziato, non sopportando più il carico di dolore per un figlio irrimediabilmente perso, è andato a vivere negli Stati Uniti, pur mantenendo saltuari contatti con la moglie.

L'intima essenza di Francesca è estremamente instabile e la donna è soggetta ad attacchi di panico, perché per lei il cerchio della vita è come se si fosse spezzato, senza prospettive, senza futuro, ma anche senza presente e con un passato che vorrebbe dimenticare.

Gli unici autentici contatti con il mondo che la circonda sono rappresentati dalle sue amiche, a cui tuttavia non ha mai confessato il motivo del suo dolore; però, anche loro portano dentro altre indicibili sofferenze.

Si potrebbero definire più che amiche compagne di sventura, tutte come lei alla continua ricerca di un equilibrio che le porti ad accettare la loro esistenza, condizione indispensabile per ricucire lo strappo nel cerchio della vita.

Sono relazioni di tacita connivenza con la rabbia, la fragilità, la paura, ma anche con il coraggio di individui solo all'apparenza nella normalità, ma che hanno scavato un solco nella vita, dentro il quale si dibattono per cercare di uscirne.

C'è una reciproca tolleranza, un rispetto fra persone consapevoli del loro stato, memori che il dolore dell'una è anche quello dell'altra, pur se con motivi diversi.

L'abilità di Sabrina Campolongo nel delineare l'aspetto psicologico mi ha veramente sorpreso, perché riesce a far entrare il lettore  gradualmente nella mente dei suoi protagonisti. E' un lavoro di cesello senza forzature e pagina dopo pagina vi sembrerà di essere con Francesca, avrete l'impressione di scorgere nei suoi occhi il suo muto dolore, sarete i suoi amici tanto che soffrirete con lei e nel finale assaporerete lo squarcio di sole nel buio che fino ad allora aveva tutto avvolto.

No, non temete: l'autrice non è caduta nell'errore di raccontarvi una vicenda di così intensa sofferenza per poi propinarvi un lieto finale del tipo “ e tutti vissero felici e contenti”. C'è una schiarita , ma i fatti restano, quello che cambia è la consapevolezza che esistono, è la speranza che nonostante tutto si possa ancora avere una vita. Il cerchio resta imperfetto, ma nello strappo che l'ha spezzato i capi si sono riavvicinati.

E così posso chiudere il libro pensando a Francesca con un sorriso, una creatura fragile che sembrava persa e che ora si riaffaccia alla vita.

E' un libro molto bello, che lascia una serena malinconia, e perciò non posso che raccomandarne vivamente la lettura.

 

 

Sabrina Campolongo è nata nel 1974 e vive a Monza. E' sposata e madre di due bambini.

Ha pubblicato nel 2007 la raccolta di racconti Balene Bianche (Michele Di Salvo editore) e un suo racconto è stato incluso nell'antologia CONCEPT – Gusto (ed. ARPAnet); finalista del premio Alberto Tedeschi (giallo Mondadori) nel 2000, collabora all'e-magazine Historica.

Il suo blog http://balenebianche.splinder.com/

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834535 »