Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La vampa d'agosto di Andrea Camilleri 01/06/2006
 

La vampa d'agosto  di Andrea CamilleriSellerio editore Palermo 

 

Di tutti gli episodi che vedono protagonista il commissario Salvo Montalbano questo, ultimo come pubblicazione, è a mio avviso il migliore.

Si ritrova, infatti, quella verve dialettica e anche creativa che era venuta un po' a mancare ne “La luna di carta”.

Soprattutto quello che colpisce, al di là della trama, misteriosa e interessante, è la capacità di Camilleri di dipingere con acuta bonomia i protagonisti, ora non più in ombra rispetto alla figura del celebre commissario, ma essi stessi dotati di propria forza autonoma che li rende spalle ineguagliabili di un Salvo Montalbano in lotta fra l'incipiente vecchiaia e morbosi desideri di carattere sessuale.

I lettori, comunque, non hanno di che preoccuparsi, perché il declino fisico non impedirà di certo la nascita di successivi episodi e anche se Camilleri ha  raccontato in un'intervista di aver già scritto quello con la fine della sua creatura resta ferma la convinzione che potremo ancora goderci delle nuove avventure.

Questa volta tutto è in perfetto equilibrio, con l'inizio divertente, lo svolgimento successivo scorrevole e appagante, la logica conclusione, prevedibile solo nelle ultime battute.

Ne La vampa d'agosto l'unico difetto, forse, di una trama ben congegnata  è proprio la fine, troppo veloce e che lascia un po' spiazzati, ma forse è solo il dispiacere di non poter continuare una così gradevole lettura. 

 

 

L'autore

 

Andrea Camilleri è nato a Porto Empedocle (Agrigento) il 6 settembre 1925. Ha iniziato a lavorare come regista teatrale nel 1942, mettendo in scena, da allora, più di cento opere. Ha esordito come romanziere nel 1978 con “Il corso delle cose”, primo dei romanzi storici (La strage dimenticata, Il birraio di Preston, La connessione del telefono, per ricordarne solo alcuni). La fortunata serie che ha come protagonista il commissario Montalbano vede i natali assai più tardi,  nel 1994, con “La forma dell'acqua”. 

 

 

                                              

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010022641 »