Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Col cappello da poeta di Paolo Rodriguez 29/06/2006
 

Col cappello da poeta   di Paolo RodriguezMidgard Editrice

 

La poesia è una delle forme espressive più complesse; infatti, non di rado, al termine della lettura di alcuni versi possiamo dire che ci sono piaciuti,  ma se ci chiediamo il perché il più delle volte rimaniamo dubbiosi .

Che si fa allora? Si ritorna a leggere, a esaminare ogni parola, a congiungere le idee che ne scaturiscono fino a quando diamo una risposta alla nostra domanda.

Ecco perché non è facile leggere una poesia, comprenderne lo spirito, tranne in rari casi, dove la capacità dell'autore di trasmettere i suoi sentimenti, il suo messaggio consente di acquisire con immediatezza ciò che voleva dirci.

Col cappello da poeta, una riuscita silloge di Paolo Rodriguez, rientra fra quelle opere, poche in verità, in cui l'appagamento della lettura si accompagna alla pressoché immediata comprensione del testo.

A onor del vero non tutte le poesie di questa raccolta presentano una simile caratteristica, ma in  una buona parte – si potrebbe anche definire ricorrendo a termini giuridici una maggioranza qualificata – rispondono pienamente alle aspettative già introdotte con la prima lirica “Regali natalizi”.

Paolo Rodriguez osserva le sfaccettature della vita di ogni giorno, gli aspetti comuni della società non con lo spirito di un novello Savonarola, ma con una giusta dose di ironia che finisce con il togliere ogni pesantezza ai testi, lasciando inalterate quelle caratteristiche di critica bonaria, ma non banale, che rendono gradevole la lettura, senza per questo far venir meno il messaggio, nobile di intenti, che è sottinteso.

Quindi un ottimo volume per una lettura non particolarmente impegnativa che possiamo portare con noi a letto prima di dormire, ma anche su un'assolata spiaggia.

 

L'autore

 

Paolo Rodriguez è nato nel 1943 a Rimini, dove anche risiede.

Dopo  esperienze giovanili con la poesia l'entrata nel mondo del lavoro l'ha costretto ad accantonare questa passione, prontamente ripresa nell'anno 2000 con la collocazione a riposo.

Nel 2005 ha vinto il “Città di Perugia”, oltre a risultare finalista in altri concorsi riservati alla poesia.

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010031761 »