Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Carte di Sardinia di Gabriel Impaglione 04/07/2006
 

Carte di Sardinia

di Gabriel Impaglione

 

Editrice UNI Service

 

 

 

In una poesia ci può attrarre l'armonia, la dolcezza dell'esposizione, oppure anche la forza, quando questa è talmente vitale da esserci trasmessa fin dai primi versi.

Normalmente se c'è dolcezza non c'è forza, e viceversa, ed è quindi assai raro trovare l'una e l'altra fuse insieme in un sapiente equilibrio.

Gabriel Impaglione, con  “Carte di Sardinia” è riuscito in questa difficilissima impresa. In questa splendida silloge, edita dalla UNI Service di Trento, troviamo così la forza dell'impegno politico e sociale e la dolce malinconia di un esule, che è riuscito a calarsi nei panni di un migrante della terra di Sardegna.

E' un canto il suo, a volte impetuoso, altre sommesso, con il quale riesce a trasmetterci le emozioni proprie di chi ha dovuto lasciare il paese natio, e con esso un angolo del suo cuore. Che questo paese si chiami Sardegna, o invece Argentina, poco cambia, perché l'uomo, il suo io, ha gli stessi sentimenti sotto ogni latitudine.

E' un peccato che il mio spagnolo sia assai limitato, perché la traduzione in italiano a fianco di ogni lirica, per quanto valida, efficace, finisce inevitabilmente per ridurre la componente armonica della lingua originale.

E allora do un consiglio: leggete prima ogni brano in italiano e poi volgete lo sguardo all'originaria versione in spagnolo. Liberi dall'interpretazione concettuale potrete apprezzare il meraviglioso equilibrio dei suoni, l'armonia diffusa che promana dai versi, in una sorta di compendio musicale  di forza e dolcezza.

L'elegante e pratica veste tipografica ci agevola in questo esercizio, da cui, assicuro, si esce straordinariamente rasserenati e, quel che più conta, in uno stato di grazia del tutto particolare, come di chi sa che dalla lettura ha arricchito l'animo e la mente.

 

 

L'autore

Gabriel Impaglione (BsAs.1958) poeta e giornalista argentino.

Alcune sue pubblicazioni: "Echarle pájaros al Mundo" (Ediciones Panorama, BsAs, 1994), "Breviario de Cartografía Mágica" (El Taller del Poeta, Galicia, 2002), "Poemas Quietos" (Antol. Editorial Mizares, Barcelona, 2002), "Bagdad y otros poemas" (El Taller del Poeta, Galicia, 2003), "Letrarios de Utópolis" (Linajes Editores, México, 2004), "Cuentapájaros" (Taller del Poeta, Galicia), “alala” (Taller del poeta, España, 2005).

Dirige la rivista letteraria Isla Negra, coordina edizioni in italiano e sardo di Isola Nera e Isola Niedda. Collabora con varie riviste d'oltreoceano.

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010031941 »