Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Lo scommettitore di Remo Bassini 26/08/2006
 

Lo scommettitore

di Remo Bassini

Edizioni Fernandel

Narrativa romanzo

Pagg. 192

ISBN: 88-87433-68-2

Prezzo: € 13,00

 

 

Scommetto che nessuno ci riesce a fare questo.

Scommetto che se ho sete resisto senza bere. Scommetto che se ho mal di pancia non lo dico a nessuno.

 

Terzo romanzo di Remo Bassini, Lo scommettitore non è solo il racconto di un'Italia provinciale, dove meschinità e sozzerie si elevano all'ennesima potenza nel torbido mondo della politica, ma è anche una storia di ben più ampio respiro e significato.

La trama indubbiamente avvince per i richiami a una realtà che abbiamo sempre sotto gli occhi, per quegli scandali così ripetuti da non apparire con il tempo più tali, e il tutto con il ritmo di un giallo, privo tuttavia degli immancabili omicidi, in un susseguirsi di eventi a incastro, fra passato e presente, di indubbia efficacia.

Se fosse solo questo, sarebbe già un buon romanzo,  uno dei tanti che si leggono, che divertono, ma che poi metti in biblioteca, abbandonati in un angolo. E invece no, Lo scommettitore, è qualche cosa di più che un semplice reportage, pur ben scritto.

Bassini sembra volerci dire che in fondo la vita è tutta una scommessa, dalla nascita fino alla morte.

Prendiamo la figura del protagonista che, smessi i panni dell'investigatore dedito, ovviamente contro compenso, a partecipare attivamente alle campagne elettorali, facendo di fatto eleggere l'uno o l'altro candidato, vuole guardare dentro se stesso e   arriva al punto di provare a vivere da povero, arrangiandosi fra mille difficoltà;  finisce così con l'acquisire gradualmente la simpatia del lettore, specie con quel suo desiderio di riscatto che lo porta, con i mezzi meschini sempre in precedenza utilizzati, a combattere la corruzione solo per amore, per quel sentimento che prima non riusciva a provare.

Scommette pure il direttore di giornale Cardoni,  una vecchia volpe rispolverata per necessità e che si lascia avvincere dal gioco avviato dallo Scommettitore, grazie al quale una generale aria di pulizia spazzerà via un torbido ambiente di intrallazzi e di veleni.

Insomma, scommettono tutti, ma soprattutto due personaggi, che la mano di Bassini ha saputo ricamare con straordinaria abilità e tenerezza: Ornella e il figlio, due vinti, lei non più giovane, reduce da uno sfortunato matrimonio, in disagiate condizioni economiche; lui, ancora un ragazzo, ma che soffre di epilessia.

Scommettono entrambi con la vita, affrontandola con dignità, nonostante tutto.

E alla fine della lettura di questo bellissimo romanzo, mi sono trovato a scommettere pure io:

Vuoi vedere che anche il prossimo libro di Bassini sarà un successo?

Glielo auguro di tutto cuore, perché se lo merita.

 

 

L'autore

 

Remo Bassini nasce a Cortona il 23 settembre 1956, ma vive da molti anni a Vercelli. Ha svolto molti lavori per poi approdare a quello di giornalista, diventando direttore  de La Sesia.

Ha fino a ora  pubblicato tre romanzi: Il quaderno delle voci rubate (La Sesia),   Dicono di Clelia (Edizioni Mursia) e, appunto,  Lo scommettitore (Fernandel Editore).

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010831586 »