Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Eraclito e il muro di Cinzia Pierangelini 23/09/2006
 

Eraclito e il muro

di Cinzia Pierangelini

Edizioni GBM

Narrativa romanzo

Pagg. 155

ISBN: 88-7560-010-4

Prezzo: € 12,00

 

 

Già conosciuta in campo letterario (sua l'ottima raccolta di racconti “Dall'ultimo leggio”), Cinzia Pierangelini fa il suo esordio nel difficile ramo dei romanzi con “Eraclito e il muro” ed è una prima di classe, a conferma delle eccellenti qualità dell'autrice.

Ambientato in un tipico paese siciliano, è la storia di un critico musicale votato a stroncare artisti e musicisti del locale teatro lirico. La sua non è solo una vocazione, che trova origine in un carattere chiuso e misogino e nella sua totale inattitudine all'arte, ma è anche una ribellione alle chiuse regole di un mondo dominato dall'ipocrisia e da norme non scritte e misteriose. Quando la sua attività si scontra con gli oscuri interessi del “potente” del luogo, in concomitanza con una depressione insorta per effetto di uno scherzo, viene abilmente rinchiuso in una clinica per malati mentali dove, di fronte al comportamento fuori dalle regole degli altri ricoverati, ritrova il piacere di vivere e anche l'amore che, per motivi del tutto abietti, viene stroncato. Dimesso, perché apparentemente guarito, cercherà una plateale vendetta, che solo in parte si realizzerà, e finirà i suoi giorni in carcere.

Al pari del principe Salina del Gattopardo, Cinzia Pierangelini riafferma che in questo mondo tutto cambia, pur restando alla fine sempre uguale, e chi è disposto a contrastarne le regole finirà per essere rinchiuso in una solitudine senza speranza, come il grande filosofo greco Eraclito.

E il muro del titolo? È  quello del teatro, dove ignoti si divertono ad annotare maldicenze, di tanto in tanto ricoperte da una mano di bianco, prontamente e nuovamente imbrattato, a riprova dell'immutabilità della vita.

Scritto in modo scorrevole, accattivante, con la tensione di un thriller, anche se non lo è, è un libro che si legge tutto d'un fiato, pur se più di una volta è opportuno e salutare soffermarsi su certe riflessioni, come la chicca filosofica del consueto ritardo del treno da Palermo.

Lo stile è quello solito e piacevole dell'autrice, in questo testo ancor più perfezionato, con descrizioni mirabili del paese, quasi dei quadri di armonia figurativa. Interessante poi è l'inserimento di modi di dire e antichi proverbi in dialetto siciliano, utilizzati soprattutto come incisi, con il preciso scopo di rafforzare il concetto senza sovrabbondare.

Inutile che dica che ne consiglio vivamente la lettura.

 

L'autore

Cinzia Pierangelini è nata nel 1963 a Messina, dove vive e svolge l'attività di docente e violinista. Ha iniziato a scrivere solo nel 2004, realizzando così un sogno che si portava dietro sin dai tempi dell'adolescenza.

Molti suoi lavori, vincitori di premi letterari, sono editi in antologie, in e-book e in riviste. Con altre case editrici ha pubblicato: Dall'ultimo leggio, raccolta di racconti; La Quaresima, nell'antologia Quindici passi nel buio; L'origine, nell'antologia Il mio mare; Il viaggio, nell'antologia Libera uscita. In stampa la poesia “Quando Jasmine sciolse la sua treccia” selezionata per un'antologia poetica e il racconto “La signora Rosa” selezionato per un'antologia erotica. In editing il romanzo per ragazzi Il professor Scelestus e in attesa di editore  il romanzo La jatta.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010736576 »