Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Narrativa generica  Noir  Storie di paese Prima Serie  I racconti del nonno  Fiabe  Horror  Storie di paese Seconda Serie  C'era una volta  Racconti di Natale 

  Racconti  »  Narrativa generica  »  L'orizzonte 26/04/2006
 

Schiumava il mare quel giorno spinto dal libeccio; Alfredo stava sulla scogliera, incurvato dalla forza del vento, e guardava l'orizzonte, da cui spuntavano in rapida successione nubi nere, pesanti, cariche di pioggia.

Guardava e pensava; là dove il mare sembrava toccare il cielo c'era la terra dalla quale anni prima era venuto, povero emigrante in cerca di una vita migliore.

 

Ricordava ancora chiaramente l'approdo, il campo profughi, da cui era fuggito per sentirsi meno disperato in una moltitudine di altrettanti disgraziati come lui. Aveva vagato in giro per l'Italia, si era adattato ai lavori più umili, sempre respingendo i facili guadagni di un'attività disonesta; aveva faticato anche dodici ore al giorno a raccogliere pomidori per una paga da fame, aveva coabitato in un tugurio per un affitto sproporzionato. La clandestinità non era stata vissuta, non ne aveva avuto il tempo: a faticare di giorno ed a cercare di dormire la notte, i piedi contro la testa di un altro, in mezzo a respiri affannosi, a frasi pronunciate nel sonno in lingue diverse.

Quanto tempo era stato così? Questo non lo ricordava, ma gli sovvenivano ancora le paure di essere scoperto ed obbligato a tornarsene al suo paese. Poi, un giorno, aveva conosciuto, del tutto casualmente, una persona che l'aveva strappato a quella vita, gli aveva riconosciuto quella dignità di uomo retto e onesto, mai sopita, ma celata sotto i miseri abiti donatigli da organizzazioni assistenziali.

Come era accaduto? In un modo estremamente semplice: a un signore, che scendeva da una bella auto, era caduto, senza che questi se ne accorgesse, il portafoglio e Alfredo l'aveva raccolto, consegnandolo al legittimo proprietario. Questi lo ringraziò, fece per dare a Alfredo una banconota in segno di ringraziamento, quando si fermò; guardò il povero emigrante e si accorse di avere dinnanzi un essere umano, uno straniero in un mondo per lui ancor più straniero; decise che l'atto caritatevole non avrebbe risolto i problemi di quell'uomo e fece la cosa più saggia che avesse mai pensato in vita sua: gli offrì un lavoro, che Alfredo accettò senza esitazione, regolarizzò la sua posizione, lo sistemò in un appartamento decente, e in cambio ebbe tanta riconoscenza come mai si sarebbe aspettato di avere.

Nacque così un sodalizio proficuo, non proprio un'amicizia, ma qualche cosa che li univa e di cui avevano entrambi bisogno: per Alfredo la sicurezza di una vita e per il suo datore di lavoro la certezza di contare sempre su una persona fidata.

Passarono altri anni; Alfredo poco a poco, grazie al suo impegno, era riuscito a far carriera e ora non era più l'emigrante impaurito sbarcato sulle coste italiane, era diventato un uomo agiato, con pari diritti, avendo ottenuto anche la cittadinanza.

Avrebbe potuto tornare al suo paese, di cui sentiva tanto la mancanza, e vivere bene il resto dei suoi giorni con i risparmi accumulati, ma lo tratteneva quel sentimento di riconoscenza verso chi aveva creduto in lui.

Erano entrambi invecchiati senza scambiarsi la benché minima confidenza che potesse fare assurgere il loro legame all'amicizia, eppure non si sentivano estranei, anzi, più il tempo passava, maggiore era il desiderio di stare insieme, se pur parlando solo di lavoro.

Negli ultimi tempi era tuttavia cambiato qualche cosa; il padrone, ammalatosi gravemente, lo volle ancor più vicino a sé; non c'era giorno che non  lo chiamasse accanto al capezzale, senza che gli dicesse nulla, ma solo per averlo vicino.

Poi, quando ormai le condizioni di salute precipitarono, il padrone, con la poca voce che gli restava gli disse - Me ne vado, amico mio.

Quella frase semplice, breve, sconvolse letteralmente Alfredo: era tutto un mondo che crollava, ma era anche il riconoscimento di quell'amicizia che di fatto si era instaurata fra i due.

Al funerale pianse, pianse un caro amico con cui aveva diviso gran parte della sua vita.

 

Il vento diventava sempre più forte e faceva vacillare Alfredo, che diede un ultimo sguardo all'orizzonte, poi disse fra sé - E' tempo di tornare.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014388510 »