Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Editoriali  »  Obbligatorio vaccinarsi e finire le scuole, di Ferdinando Camon 29/11/2015
 

Obbligatorio vaccinarsi e finire le scuole

di Ferdinando Camon

 

 

"Panorama" in edicola il 19 novembre 2015 con data 25 
 

 
A giudicare dalle lettere che mandano ai giornali, i genitori che non vogliono sottoporre i figli alle vaccinazioni obbligatorie fraintendono il problema. Pensano: «Io non vaccino mio figlio, il rischio di prendersi queste malattie è basso, e preferisco correrlo: se mio figlio si ammala, m'impegno a curarlo, e sono a posto con lui, con me e con la società». Non è vero. Vaccinarsi non protegge dalle malattie soltanto il bambino che si vaccina, ma tutti i bambini che vivono con lui, e perfino quelli non ancora nati. Quando s'è decisa l'obbligatorietà delle vaccinazioni, si è stabilito un dovere collettivo: «Ci vacciniamo tutti, così la malattia sparisce». È questo il traguardo. Chi non vaccina il proprio figlio fa un sabotaggio verso questo traguardo. Io ho il dovere di vaccinare mio figlio, che va a scuola, ma ho il diritto che il suo compagno di banco o di classe sia vaccinato. C'eravamo riusciti a far sparire le malattie bloccate dai vaccini, e si contava di sospendere le vaccinazioni, in quanto non più necessarie. Ma ora quelle malattie ricompaiono, perché? Perché arrivano bambini non vaccinati. Ecco perché deve tornare l'obbligo di vaccinare tutti. La soglia dei non-vaccinati sopra la quale non si può salire, perché si renderebbe possibile l'entrata dei bacilli, è il 5%. Noi la stiamo superando. Tornare subito a vaccinare i bambini, tutti, rientra tra gli obblighi a cui bisogna adempiere, per il bene della società.
Un altro è quello della scuola dell'obbligo. Se è stato stabilito che è “dell'obbligo”, vuol dire che non devono più esistere bambini e ragazzi che non la frequentano, cioè che non la cominciano o non la finiscono. Qui vale lo stesso principio della vaccinazione: i bambini devono essere vaccinati per non essere portatori di malattie tra i compagni di scuola o di gioco o di quartiere, e così i ragazzi devono aver frequentato la scuola dell'obbligo, e averla finita, per non essere portatori dentro la società  di malattie mortali per la società stessa, come l'ignoranza, l'incapacità di ascoltare, di leggere e di capire, un telegiornale, un giornale o un libro. Il bambino non vaccinato non dovrebbe avere il permesso di andare a scuola. Inquina l'ambiente, lo rende recettivo ai bacilli. E l'uomo che non ha finito le scuole dell'obbligo non dovrebbe poter votare. Il suo voto inquina il risultato elettorale. Votare è un'azione altamente intellettuale, presuppone informazione, conoscenza della Costituzione, coscienza di ciò che si fa e di quel che succede nel mondo. Solo così il voto è “responsabile”. Il voto dell'analfabeta e dell'ignorante è per forza di cose “irresponsabile”. Quando Platone diceva che a governare lo Stato devono essere i filosofi, intendeva questo: gente che sa quel che fa col suo voto. Dicendo questo, non sto togliendo il diritto di voto a chi non ha finito le scuole. Sto dicendo che non deve più esistere gente che non finisce le scuole. Vaccinati e scolarizzati, la convivenza parte da qui.

 

www.ferdinandocamon.it

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014019497 »