Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Editoriali  »  L'omertà moltiplica gli orchi, di Ferdinando Camon 07/05/2016
 

L'omertà moltiplica gli orchi

di Ferdinando Camon

 

 

 

"Avvenire" 3 maggio 2016 

 


 

Quando i soldati russi arrivarono al lager e videro i prigionieri, morti e moribondi, chinarono la testa per la vergogna. Si vergognavano di appartenere all’umanità che aveva commesso quella colpa. Adesso è la nostra volta. Arriva la notizia di questa bambina di sei anni che si è ribellata a un adulto di 43 che voleva violentarla, ed è stata presa per un braccio e buttata giù dall’ottavo piano. Vorremmo non crederci, ma un gip dice purtroppo di avere testimonianze “inoppugnabili”, e questa parola ci schiaccia. Apparteniamo a un paese dove succedono queste cose, e ci vergogniamo. Non era la prima violenza per quella bambina, era già stata abusata da quell’uomo. E il fatto non riguarda una bambina e un adulto, perché altre bambine erano state violentate, dallo stesso uomo o da altri. Alcune di queste bambine erano figlie della donna con la quale l’uomo viveva. E c’è un altro omicidio nel quartiere, un altro bambino volato giù dall’ottavo piano. I media dicono: “C’è un orco nella zona”, e per “orco” intendono un uomo sbagliato o malato, che violenta e uccide i piccoli e non si pente e non smette ma ripete la violenza e gli omicidi. Se le notizie restan queste, il concetto di uomo-orco, o di orco-uomo, dovrà essere modificato. Perché il caso di questa bambina di sei anni che s’è ribellata ed è stata scaraventata giù si complica di tante complicità. C’è una testimone oculare, un’amichetta della vittima, che ha visto la scena della violenza e dell’uccisione, e l’ha raccontata alla polizia, ma c’è anche sua mamma, che ha visto tutto eppure le raccomandava: “Stai zitta, è un segreto”. Se questa donna conosce un orrendo omicidio ma lo nasconde, come dev’essere giudicata? Indifferente? Assente? No. Da profano, da non-conoscitore del Diritto, rispondo per istinto: “Presente e complice”. C’è una donna che ha delle figlie piccole, qualcuna di queste piccole veniva violentata dall’uomo, si lamentava con lei perché la violenza le causava dolore, e la donna (“non ci regge il cuore di chiamarla madre”, direbbe Manzoni) rispondeva: “Ti passerà”. Come dev’essere giudicata questa donna? Cinica? Insensibile? No. Da profano, da non-conoscitore del Diritto, rispondo per istinto: “Parte attiva e complice”. È lei che tollera, permette, favorisce la violenza sessuale sulla figlia piccola. E quando la permette? Sempre: quando la violenza si compie e in tutto il tempo futuro, perché sta sempre zitta, non denuncia mai. Se le cose stanno così (speriamo sempre di no, ma le smentite non arrivano) qui “orco” è un termine collettivo, che comprende l’uomo (chiamiamolo così) che fa queste cose, ma anche tutta l’umanità spicciola che gli ruota intorno e tace. L’”orco-palazzo”, l’”orco-quartiere”, l’”orco-famiglia”. La forza che crea l’orco collettivo è l’omertà. A violentare e uccidere questa piccola bambina è un uomo-orco, a uccidere l’altra vittima volata giù anch’essa dall’ottavo piano è lo stesso o un altro uomo-orco, a creare i ripetuti casi di pedofilia nella zona è lo stesso o un altro o altri uomini-orchi, ma a creare questo habitat dove i casi di violenza e omicidio si ripetono, è l’omertà. L’omertà sta alla proliferazione degli orchi come la pioggia in un bosco sta alla proliferazione dei funghi. L’omertà non è una inerzia, è una forza. È la forza che espande l’orco-individuo in orco-quartiere. L’omertà non vuole che il delitto venga scoperto e punito, perché questo crea disordine e il disordine è pericoloso, mentre l’omertà si trova bene nell’ordine del male. L’omertà non vuole che i carabinieri scoprano e portino via l’assassino, perché non ama i carabinieri e non ama lo Stato. L’omertà non è paura del male, è accettazione del male. Tra la donna che ha visto tutto ma consiglia alla figlia di tacere, e la figlia che risponde: “Io devo dire la verità”, la speranza è che quella sia il passato e questa il futuro. Il passato, prima o poi, passerà. Aiutiamo il futuro a venire avanti.  

 

www.ferdinandocamon.it

          

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09399031 »