Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Editoriali  »  Il senso della vita, di Renzo Montagnoli 21/02/2024
 

Il senso della vita

di Renzo Montagnoli



Oggi, domenica 18 febbraio 2024, c´è una nebbia fitta, così come ieri e l´altro ieri, talmente concentrata che verrebbe voglia di provare a squarciala con un coltello. E´ uno di quei giorni di un inverno che già sembra volgere alla primavera in cui si resterebbe volentieri a letto, a poltrire, a crogiolarsi nel tepore delle lenzuola, ma ci si alza, perché c´è sempre qualcosa da fare e, se non c´è, lo si trova. Io ho così trovato la necessità e la voglia di buttare giù due righe, una riflessione e non certo un racconto. Al risveglio, come il sacerdote che legge il breviario, rileggo una o al massimo due paginette di un libro di Mario Rigoni Stern; si tratta di Stagioni, il primo che mi ha fatto conoscere questo grande scrittore e che per me è stata una folgorazione, una voce che mi è entrata dentro e che ha contribuito in modo determinante a confermare il mio senso della vita. Il narratore di Asiago, prima ancora che autore di romanzi e racconti di grande valore, è un filosofo che dall´osservazione della natura, dal rispetto per essa ha compreso che nell´ordine perfetto del creato l´uomo deve attingere per i suoi bisogni da ciò che lo circonda, ma non deve sfruttarlo, non deve distruggerlo, perché finisce con il recare rovina a se stesso. " Baita: sogno di chi era lontano dagli alpeggi per emigrazione o guerra. Parola indoeuropea, scriveva Primo Levi. << Ghe rivarem a baita?>>, chiedevano in Russia gli alpini del mio plotone. Siamo rimasti in due. Le baite non ci sono quasi più. Baita delle Rose, scrivono sui cancelli delle seconde case, o Baita Restaurant, o Baita Dépendance. Per noi era un sogno su un po´ di strame."

La baita, la casa, il rifugio sicuro ove sta la famiglia, dove ci sono gli affetti, una parola che ha un valore pregnante e non banale quando si tratta della seconda casa, perché la vera casa è una sola, come l´autentica famiglia.

Tutte le pagine di questo libro sono un invito alla riflessione, come quelle sui nidi di calabroni, sul lavoro operoso dell´uomo che taglia il fieno e lo mette ad asciugare, come la natura che di continuo cambia con le stagioni per restare sempre se stessa, se non ci si mettono di mezzo gli uomini. In Mario Rigoni Stern ci sono pochi, ma fondamentali valori, quali l´amicizia, la solidarietà, ma sopra tutti l´amore sconfinato per la natura, capace di nutrire il corpo e l´anima, sempre che la si rispetti, a patto che si abbia la consapevolezza di esserne solo parte, a condizione di non rompere un equilibrio perfetto.

Come ho detto mi bastano una pagina o al massimo due e così, quando faccio colazione bevendo una tazza di caffè, avverto che ho già saziato la mia anima, sono pervaso da un senso di serenità a cui mi aggrappo per tutta la giornata.





 
©2006 ArteInsieme, « 014147080 »