Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Editoriali  »  Riflessione del 6 marzo 2006 06/03/2006
 

Oggi, ore 11,30, esco a fare due passi con la mia cagnolina; vicino a casa c'è un bel prato che è un vero e proprio Paradiso per gli amici dell'uomo. E' molto vasto e confina con una statale, sempre trafficata, soprattutto da autocarri che vanno e vengono dalla vicina autostrada del Brennero.

Si sente lontana una sirena di un mezzo di soccorso; il suono si avvicina sempre di più fino a quando non vedo che si tratta di un'autoambulanza.

Normalmente, in questi casi, si dovrebbe dare strada, rallentando e accostando a destra, e invece nessuno lo fa, anzi vanno normalmente come se il mezzo di soccorso non esistesse. E' un attimo, ma poi questa speranza su quattro ruote sparisce alla mia vista, coperta da un filare di alberi.

Mi viene spontanea un'osservazione: in certi casi anche un minuto può salvare una vita. Possibile che nessuno, dico nessuno, abbia avuto l'animo di dare strada? Forse è stato un caso, una circostanza irripetibile è quello che mi auguro, ma è solo una speranza, perché in un mondo senza valori anche una vita non è niente di più che un numero.

 
©2006 ArteInsieme, « 09324345 »