Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Editoriali  »  Scrittori e lettori, di Renzo Montagnoli 30/08/2008
 

Scrittori e lettori

        di Renzo Montagnoli

 

Un vecchio detto recita che ogni popolo ha il governo che si merita; analogamente si potrebbe dire che i lettori hanno gli scrittori che si meritano. Ma non è proprio così. Generalmente chi scrive ha di fronte a sé due vie: o impegnarsi in qualche cosa che rispecchi totalmente se stesso, astraendosi dal facile successo, oppure andare incontro ai gusti dei possibili lettori, sacrificando, in tutto o in parte, la propria personalità creativa.

E' inevitabile che fra chi opta per la prima via possa emergere un genio, mentre nel secondo caso avremo al massimo un diligente riempitore di fogli.

Purtroppo il denaro e il successo sono due attrattive fatali e sono sempre di più quelli che si piegano alle esigenze di mercato, senza contare poi altri autori che, grazie a politiche di persuasione occulta perseguite dai grandi gruppi editoriali, fanno il mercato.

Così può capitare che anonimi riempitori di fogli balzino in testa alle classifiche di vendita, che prendano premi di concorsi prestigiosi, ormai purtroppo commercializzati, che critici troppo magnanimi gridino al capolavoro, quando in tutta franchezza non lo è.

Viviamo in un mondo in cui l'apparenza è tutto, dove la sostanza è quasi inesistente, dove i concetti di onore e dignità sono ormai dimenticati; si è venuta a creare così una situazione paradossale in cui il gregge di pecore viene portato per mano a brucare l'erba inconsistente di una cultura che volutamente si vuole soffocare.

Però, qualche cosa si sta muovendo, ci sono aperte ribellioni che lasciano sperare e le noto in un sito dove ci sono moltissime recensioni: QLibri.

Provate a leggere quelle, numerose, de L'eleganza del riccio e de La solitudine dei numeri primi.

Accanto a non molte positive ce ne sono assai di più negative.

Forse non tutto è perduto, forse sta tornando il desiderio di razionalizzare, di voler vedere solo con i propri occhi e la propria testa, forse i lettori potranno essere finalmente liberi.   

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011357051 »