Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Editoriali  »  Letture e riletture 12/05/2006
 

Letture e riletture

 

Alcuni lo sanno, ma molti no e allora colgo l'occasione per spiegare come avviene il procedimento di recensione che ho adottato fin dall'inizio.

Leggo con attenzione il romanzo o la raccolta di racconti, operazione che a seconda dei casi può durare da una settimana a una decina di giorni. Ultimata questa fase, lascio riposare il tutto per circa 5-6 giorni, poi, solo nel caso che il testo mi sia risultato gradito, procedo a una rilettura delle parti che hanno destato maggiore interesse. Dopo 3-4 giorni anche questo lavoro è finito e posso procedere a stilare la recensione, impegno che al massimo è di una giornata.

Perché vi ho detto tutto questo? Il motivo è semplice: io scrivo commenti critici solo delle opere che mi sono piaciute per una precisa scelta volta a non declassare quegli autori che hanno impegnato la mia mente non in modo soddisfacente. Il problema, però, è che il numero dei testi non graditi sta aumentando in misura quasi esponenziale e quello che mi spiace di più è che la maggior parte sono stati scritti da esordienti.

Ho cercato di analizzare questo fenomeno e sono giunto ad alcune conclusioni:

a)    larga parte di questi testi presenta caratteristiche di banalità, quasi fossero svolgimenti di temi scolastici; e quando non pochi cercano di allontanarsi da schemi e trame super utilizzate si avventurano in vicende del tutto improbabili, come se la vita di ogni giorno non offrisse abbastanza spunti o idee; c'è quasi un ripudio, o meglio una vergogna a parlare della vita, come se fosse un elemento secondario.

b)    L'impostazione spesso non è armonica, nel senso che non è presente una linea logica che unisce i vari capitoli, tanto che, più di una volta, ho avuto l'impressione di trovarmi non di fronte a un romanzo, ma a una raccolta di racconti; se si volessero richiamare i termini cinematografici si potrebbe dire che non poche opere presentano gravi lacune di montaggio.

c)     Comprendo che il servizio di editing qualche volta chiuda un occhio involontariamente, ma ho ravvisato in taluni scritti errori di sintassi e, ancor peggio, di grammatica, e non si trattava certo di refusi.

 

Sembrerebbe quindi che più aumentano gli scrittori, più cala la qualità delle opere e questo può essere logico, dato che la massificazione determina sempre una meno accurata realizzazione del progetto.

Forse sono io che ho uno spirito troppo critico, forse sono troppo esigente, ma se guardiamo la realtà dei fatti ci troviamo di fronte a una marea di apprendisti scrittori che sono riusciti a pubblicare solo un libro e poi basta. Questo ci dovrebbe far pensare che per essere autori è indispensabile avere qualche cosa da dire e saperlo dire.

Il traguardo, infatti, non è essere pubblicati, ma essere letti e apprezzati. 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09451030 »