Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Editoriali  »  La scomparsa di un poeta, di Renzo Montagnoli 25/06/2009
 

La scomparsa di un poeta

di Renzo Montagnoli

 

 

Alcuni giorni fa mi è pervenuta una mail che non vorrei mai ricevere. I familiari di Reno Bromuro mi hanno comunicato la sua scomparsa, avvenuta il 12 giugno. L'oggetto mi è rimasto in mente: l'amico ha preso il volo. Sì, un poeta non se ne va, non ci lascia, ma la sua anima vola lassù e mi piace immaginare che a ogni stella corrisponda un compositore di versi, uno spirito libero che è asceso all'eternità.

Ha pubblicato, non molto in verità, su Arteinsieme: qualche poesia, un paio di interviste.

Se volete sapere veramente chi era, potete leggerlo qui.

Se n'è andato, ma come tutte le anime elette che hanno comunicato con i loro versi restano le sue poesie e penso che la miglior commemorazione sia riportarne di seguito alcune.

 

 

QUANDO PARLA UN POETA

 

Silenzio! Quando parla un poeta

bisogna ascoltarlo in silenzio,

 

Tutto ciò che dice un poeta

è sempre cosa seria e meditata.

 

Silenzio!

Voglio un mondo che parli

la lingua universale dell'amore.

Voglio scrivere per le strade

sui muri delle case screpolate

sui vetri degli alti grattacieli

sui parabrezza delle auto

sui banchi di scuola

sul volano del tornio

i miei versi che vogliono

esaltare la volontà del poeta

il desiderio di un mondo

che parli la lingua universale dell'amore.

Voglio affiggere i miei quadri

alle aste delle bandiere abbrunate

per questa inesausta e svogliata società

affinché l'Uomo impari a vestire

una camicia bianca immacolata

per non contaminare il prato

quando rotola per bagnarsi di rugiada.

Voglio che i quadri e i versi sventolino

al sole caldo dell'amore

e  tu passando impari a far silenzio

Quando parla un poeta.

 

Silenzio!… Quando parla un poeta

Bisogna ascoltarlo in silenzio.

 

 

 

 

Sessant'anni, oggi

 


Sessant'anni oggi il tuo onomastico
sulla scalinata del "Petraio" ti cinsi le spalle
camminando più lenti di una lumaca.
Continuavi a ridere e ridere. Il tuo riso era
lo scorrere di un ruscello appena nato.

Mi piaceva il profumo di non ancora donna
i tuoi occhi brillanti come splende il Sole.
Improvvisamente ti costrinsi a fermarti
e guardarmi negli occhi, o ero io che volevo
specchiarmi nei tuoi sì luminosi e ridenti?

Ti cinsi il collo con le braccia a cerchio
rilegai un filo di perle da quattro soldi
- di più non potevo -
Poi attirato come calamita dalla tua bocca
pura come quella di un neonato
ti baciai con tutta la passione della gioventù.

Piangesti lacrime senza fondo
perché me lo hai rubato singhiozzavi
avrei voluto tagliarmi la testa
ma come avrei fatto a raccontarlo oggi?

Oggi, il tuo onomastico l'ho festeggiato
da solo davanti al computer
nello schermo c'è il tuo volto
e nel cuore il rimpianto di quelle perle
che mi fecero rubare il tuo primo bacio:
le lacrime mi bruciano ancora l'anima.

 

 

 

IL GABBIANO

 

Ti incontrai

e mi fosti madre premurosa
come mi comprendesti.
E passarono

le ore dell'attesa, monotone,
eterne.
E il sole

continuava a tingere il cielo
di rosa
di rosso

e tu, mi fosti sorella
affettuosa.
E continuarono i giorni! ...

Una sera

contavamo le stelle, ricordi?
Ci baciammo.
Tra un bacio e l'altro
fu detta una parola
e tu, mi fosti amante
appassionata.

Il sole a picco si tuffava nel mare
in quella sera triste di autunno;
passò uno stormo di Gabbiani,
vedendoli esclamasti: «sono una di loro!»
No! Gridai.
E tu avevi già preso il volo.

Ora nella mia eterna solitudine
medito

e il pensiero di te mi da gioia:
so.

Tutte le sere

in riva al mare ti ritrovo
mio Gabbiano.

 

 

E' PASQUA

 

E' Pasqua

ritorno sulle verdi colline...

Chiara notte.

Piange l'ulivo sul lato del monte

Sono le lacrime di Cristo nell'orto di Getzemani.

C'eri tu quella sera?

Sono le lacrime di Cristo nell'orto di Getzemani.

C'eri tu quando gli conficcarono

la lancia nel costato dopo averlo incrociato?

... No: tu non c'eri.

Questo non è un giorno come gli altri

Il cielo s'annera lentamente e fiamme

lo squarciano per far cadere acqua

che il vento forte spande sulla terra:


Questo non è un giorno come gli altri.

E nella luce dei lampi si staglia

nel cielo una Croce abbagliante.

 

Perché quella croce Gesù?

E' la croce che spazza i peccati

e voi pregate al Padre Celeste ...

 

Piange Gesù nell'orto di Getzemani!

E ritorna sul Monte Calvario.

 

Tu non c'eri sul Golgota

quando si giocarono la tunica

quando gli diedero il fiele da bere

quando gli conficcarono la lancia

nel costato dopo averlo incrociato.

No! Tu non c'eri.

 

Piange l'ulivo sulle verdi colline…

Avrei voluto esserci, per farmi

Crocifiggere, ma piange l'ulivo!

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 012625142 »