Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Lord Byron e Boatswain, di Danila Oppio 10/10/2018
 

Lord Byron e Boatswain

di Danila Oppio



Il suo amato Boatswain

quel Nostromo peloso

che gli ha rapito il cuore

se ne andò una mattina:

aveva di cinque anni appena,

Lord Byron una ventina.

Il Newfoundland comprova

d’esser docile silente e amicale

compagno, è il gran Terranova

nella dolce lingua dello Stivale.

George per lui fece costruire

un luogo di degna sepoltura.

Scrisse un epitaffio e a nessun

essere umano potrebbe calzare

in maniera tanto più degna.

La stessa lapide insegna:

Near this spot are deposited

the Remains of one

who possessed Beauty without Vanity

Strength without Insolence

Courage without Ferocity

and all the Virtues of Man without his Vices”

In questo luogo giacciono

i resti di una creatura

che possedette la bellezza ma non la vanità

la forza ma non l’arroganza

il coraggio ma non la ferocia

E tutte le virtù dell’uomo ma privo dei suoi vizi.

Perfetto ritratto che gli riconosco

Da amico fedele e affettuoso

sa parlarti con sguardo dolce

senza far mai uso della voce.

Giunse un giorno Byron a Porto Venere

ed erano già quattordici anni

che, della presenza di Newfy

George non potè più godere.

Con nuotate lunghe si consolò

nel far visita all’amico poeta

Shelley, che un triste giorno

nel mare di Lerici annegò.

Nostromo riposa in una tomba

da ben duecentodieci anni.

Indicata da una lapide mortale

sulla quale è inciso il suo tributo.

E tanto fu il suo amore assoluto

che di Nostromo la lastra sepolcrale

fu più grande di quella deposta

sul suo proprio tumulo composta.

Riprendendo l’epitaffio

al sepolcro dell’amato cane

Ecco che scrisse Byron, e lì rimane:

To mark a friend’s remains these stones arise

I never knew but one…and here he lies”

Esso fu innalzato per segnare

il luogo ove tutto quel che di un amico resta

un sol ne conobbi… e qui giace.

Nostromo riposa in pace!

Appare chiaro che da questa chiusa

Byron ottenne dal fedele amico

quel che da altri non ebbe mai:

Il cuore di Nostromo batteva sol per lui.


 
©2006 ArteInsieme, « 012203895 »