Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Poesie indigeste, di Danila Oppio 08/11/2018
 
Poesie indigeste

di Danila Oppio





Non riesco a concepire
alcune poesie indigeste
dove si notano moleste
le solite strofe amorfe.

C’è chi le scrive di getto
e chi ripete il soggetto
In ogni stralunato verso 
niente di un po’ diverso.

Una certa inappetenza
mi coglie improvvisa
e appare quasi sentenza
che l’anima mia ravvisa.

Vorrei mimare il silenzio
per supplire certi versi
ubriacati con assenzio
e nei bicchieri dispersi.

Talvolta è meglio tacere
non scrivere usuali cose,
nella faretra d’arciere
occultate le rime noiose.

Uscite dai soliti schemi
portate un po’ di speranza
evitate di porre problemi
nei versi di vostra stanza. (strofa)

Mi viene in aiuto Trilussa
“ va a svantaggio del peccato
perché er lavoro de la fantasia
se reduce a uno spazzio limitato”.


 
©2006 ArteInsieme, « 09650319 »