Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  La fiaba del folletto per addormentare i bimbi la notte di Natale, di Danila Oppio 23/12/2018
 
La fiaba del folletto per addormentare

i bimbi la notte di Natale

di Danila Oppio




"C'era una volta un cero di cera"

...iniziò così questa sua fiaba...

"che lentamente si scioglieva”.

- Come si dice

se una candela finisce? -

Ah sì, “fino a ridursi 

ad un piccolo moccolo 

che quasi non si vedeva 

neanche con il binocolo.

Fu calpestato con lo zoccolo

di un bimbetto coccolo

seguito da un anatroccolo".


E dopo cosa accadde?

Successe che, d'improvviso

la fiamma del cero si spense

e il folletto smise di leggere.


E poi? Come finisce la storia?

Finisce che fu acceso 

un altro cero di cera

e questa è la storia vera.

Non si può leggere

senza un lumino

fosse pure molto piccino.

E ricominciò a narrare la fiaba.


"C'era una volta un cero di cera...”


Purtroppo si è di nuovo

consumata la candela.


 
©2006 ArteInsieme, « 09650239 »