Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Sep-ulveda sep-olto, di Danila Oppio 28/05/2020
 
Sep-ulveda sep-olto

di Danila Oppio



S’è n’è andato Sepulveda.

La morte apre tutte le porte,

incorona la testa, e cade

raggiungendo così nell’Ade

persone famose importanti

e poveri vecchi pezzenti,

politici, mercanti e scrittori

senza concedere favori.

Però solo di gente famosa

se ne sente parlare a iosa.

Delle sconosciute persone

non se ne fa manco il nome.

Sepolti in fossa comune

Senza un saluto, o esequie

Forse neppure un Requie(m)

Nessuno ne resta immune.

E sono milioni, sono troppe

le vite che s’en van a frotte.

E c’è ancor chi indifferente

dice: “ma chi se ne fotte!

Così funziona il malgoverno

tardando i soccorsi, gli aiuti.

Ma che s’en vada all’inferno!

Coi miei più sentiti saluti.

 


 
©2006 ArteInsieme, « 013807545 »