Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Frontiere d’ombra, di Donatella Nardin 31/01/2021
 
Frontiere d’ombra

di Donatella Nardin



Porto la solitudine nei passi,

l’andare incerto come d’usignolo

alle nevi carico d’anni ormai.

La mia casa più non sa spremere

luce dall’oscurità delle pietre,

né dipingere sorrisi come quando

mi fioriva l’estate tra gli occhi

e sulla bocca laccata di ciliegia.

Mi scopre inadeguata lo strappo,

altero e disperato, l’amore mai

mutato in nutrimento, tacciono

i baci celati tra le carezze,

quel senso lieto della vera giovinezza,

s’infila la notte le sue calze

più scure tra noi e la parte perduta

di noi ché la vecchiaia è un vestito

inzuppato d’abisso, ai lisi boccioli

una frontiera d’ombra, luce

che più non agglutina il blu.



Da Rosa del battito (Fara, 2020)

 
©2006 ArteInsieme, « 010834549 »