Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Terra! di Francesco Jonus 20/05/2006
 

Silice vivente, cristalli pulsanti, cuori minerali ardenti

nel grembo della terra, bacche immortali che segnano

il ricordo, custodiscono l'astrazione del nostro tempo

in messaggi universali, destini fissati nella materia.

 

Incidiamo il ventre della madre, carpendone feti

splendenti, assopiti nel silenzio, distesi su giacigli

congelati, riscaldati dal battito attutito di un cuore

magmatico, organo solido, nascosto allo sguardo.

 

Invadiamo i sogni sommersi con denti d'acciaio,

orrori automatici, mascelle controllate da mano

umana, la luce naufraga in cavitÓ oscure, l'acqua

penetra nei letti occupati, inghiotte la metropoli.

 

La nostra presenza distrugge l'equilibrio solidificato,

retaggio della sapienza dei millenni che si sono rincorsi

in gran segreto, abbracciando nuove forme, segnando

il breve respiro che si innalza dall'amplesso degli elementi.

 

I corpi smembrati si riuniscono nelle ossa delle nostre

creature, intrecciano epidermide e nervi, nutrono neonati

scaturiti dal fuoco e con essi, la nostra fugace presenza

da parassiti, di organismi che sognano in un altro universo.

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834396 »